VIDEO | Virocol, da Napoli un virus per combattere il colesterolo

NAPOLI – “L’esperienza di BioInItaly ci ha fatto conoscere un mondo che noi del campo della ricerca non conosciamo bene. Ci ha permesso di acquisire le basi che ci hanno poi portato allo sviluppo della nostra società che è attualmente in fase di costituzione”. Così Eleonora Leggiero, ricercatrice di medicina molecolare del Ceinge, vincitrice lo scorso anno, per la miglior presentazione, della tappa napoletana del BioInItaly National Roadshow.

Per l’appuntamento di quest’anno nel capoluogo campano, la cofounder di Kimera ha raccontato il suo anno di esperienze con VirOCol, il virus che cura il colesterolo, tra incontri con investitori internazionali e esperimenti in laboratorio, fino alla pubblicazione dei risultati su Gene Therapy e al brevetto. “Ci occupiamo – spiega Leggiero – dello sviluppo di farmaci per il trattamento di malattie genetiche. Il nostro primo prodotto è VirOCol, un farmaco in grado di abbassare in maniera permanente i livelli di colesterolo cattivo nei pazienti affetti da ipercolesterolemia familiare”.

Il percorso, però, non si ferma qui. “Abbiamo avuto dei risultati importanti – prosegue – e abbiamo depositato una domanda di brevetto, ma stiamo andando avanti perché il primo prodotto che abbiamo sviluppato viene somministrato per via endovenosa e noi vogliamo che venga somministrato per via intramuscolare che rappresenta una via più sicura”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

6 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»