NEWS:

Contagi Covid settimanali quasi raddoppiati (+94,3%), Gimbe: “Dati sottostimati”

Spallanzani: "Dobbiamo restare vigili ma senza fare allarmismi"

Pubblicato:05-12-2023 11:52
Ultimo aggiornamento:06-12-2023 11:35
Autore:

FacebookLinkedIn

ROMA –  Dopo circa un mese di sostanziale stabilità del numero dei nuovi casi settimanali, da 3 settimane consecutive si rileva la progressiva ripresa della circolazione virale. Infatti, dalla settimana 2-8 novembre a quella 23-29 novembre il numero dei nuovi casi settimanali è aumentato da 26.855 a 52.175 (+94,3%), il tasso di positività dei tamponi dal 13,6% al 18,8%, l’incidenza settimanale da 46 casi per 100 mila abitanti ha raggiunto 89 casi per 100 mila abitanti, la media mobile a 7 giorni da 3.469 casi/die il 2 novembre è salita a 7.454 casi/die il 29 novembre. ‘Rispetto all’effettiva circolazione virale- commenta Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione GIMBE- il numero dei contagi è largamente sottostimato perché il sistema di monitoraggio, dopo l’abrogazione dell’obbligo di isolamento per i soggetti positivi, poggia in larga misura su base volontaria. Infatti, da un lato la prescrizione di tamponi nelle persone con sintomi respiratori è ormai residuale (undertesting), dall’altro con l’utilizzo diffuso dei test antigenici fai-da-te la positività viene comunicata ai servizi epidemiologici solo occasionalmente (under-reporting)’. Nella settimana 23-29 novembre l’incidenza dei nuovi casi oscilla da 1 caso per 100 mila abitanti della Sicilia a 183 del Veneto. Rispetto alla settimana precedente i nuovi casi aumentano in 15 Regioni: dal +3,7% del Veneto al +43,4% della Sardegna. In calo le restanti 6 Regioni: dal -3,5% della Provincia Autonoma di Trento al -32,3% dell’Umbria (tabella 1). In 80 Province si registra un aumento dei nuovi casi: dal +1,5% di Trieste al +60% di Matera. Nelle restanti 21 Province si rileva una diminuzione dei nuovi casi (dal -0,2% di Salerno al – 50% di Messina); stabili le Province di Cagliari, Catanzaro, Enna, Oristano, Siracusa, Sud Sardegna con una variazione dello 0%. Secondo l’ultimo Aggiornamento nazionale dei dati della Sorveglianza Integrata COVID-19 dell’Istituto Superiore di Sanità, rispetto alla distribuzione per fasce di età, fatta eccezione per la fascia 0-9 anni in cui si registrano 20 casi per 100 mila abitanti, l’incidenza aumenta progressivamente con le decadi: da 16 casi per 100 mila abitanti nella fascia 10-19 anni a 177 per 100 mila abitanti nella fascia 80-89 anni, fino a 221 per 100 mila abitanti negli over 90. ‘Una distribuzione- spiega il Presidente- che riflette la maggiore attitudine al testing con l’aumentare dell’età, confermando la sottostima della circolazione virale’.

VARIANTI

Tutte le varianti circolanti appartengono alla “famiglia” Omicron. Nell’ultimo report dell’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) del 1 dicembre 2023 non vengono segnalate “varianti di preoccupazione”, ma solo “varianti di interesse”. In Italia, l’ultima indagine rapida dell’ISS, effettuata su campioni notificati dal 13 al 19 novembre 2023, riporta come prevalente (52,1%) la variante EG.5 (cd. Eris) e rileva, analogamente a quanto segnalato da altri paesi, un aumento (dall’1,3% al 10,8%) della variante BA.2.86 (cd. Pirola). ‘Secondo i report dell’Organizzazione Mondiale della Sanità- spiega il Presidente- relativi ai profili di rischio delle due varianti, Eris e Pirola hanno una moderata capacità evasiva alla risposta immunitaria, da vaccinazione o infezione naturale, che ne favorisce la rapida diffusione. Per nessuna delle due varianti ci sono evidenze sul maggior rischio di malattia grave’.

REINFEZIONI

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, la percentuale di infezioni riportate in soggetti con almeno un’infezione pregressa (reinfezioni) è lievemente aumentata nelle ultime settimane, sino a raggiungere il 44%.

OSPEDALIZZAZIONI

Dopo un mese di stabilità, i posti letto occupati da pazienti COVID-19 dal 2 novembre al 29 novembre sono aumentati in area medica da 3.632 fino a 5.741 (+58,1%) e in terapia intensiva da 99 a 170 (+71,7%). Al 29 novembre il tasso nazionale di occupazione da parte di pazienti COVID è del 9,2% in area medica (dall’1,8% della Basilicata al 10,1% dell’Umbria) e dell’1,9% in area critica (dallo 0% di Basilicata, Marche, Provincia Autonoma di Bolzano e Valle d’Aosta al 2,8% dell’Emilia-Romagna).

ALIQUÒ (SPALLANZANI): VIRUS CIRCOLA, VIGILI MA NIENTE ALLARMISMO

 “Il virus circola, lo vediamo nei dati. Come contagi siamo tornati ai livelli del marzo scorso con 57 ricoverati di cui 5 in Rianimazione. Dobbiamo restare vigili ma senza fare allarmismi“. Lo ha detto il Direttore generale dell’INMI Spallanzani, Angelo Aliquò, in un’intervista al Messaggero. “Oggi il Covid non è la malattia che ci preoccupa maggiormente, qui ne affrontiamo diverse e purtroppo alcune sono più insidiose. Rispetto alla prima fase, il Covid causa meno problemi ai più giovani ma è molto insidioso per anziani e fragili”. Il Dg dello Spallanzani ha poi aggiunto: “Stiamo seguendo con attenzione la Dengue che ha ormai una diffusione locale e non più legata esclusivamente ai viaggi all’estero”.

VAIA: DALLE REGIONI IMPEGNO SU OPEN DAY PER POTENZIARE LE VACCINAZIONI

Intanto questa mattina è riunita la Cabina di Regia dedicata alle campagne vaccinali Covid e influenza convocata dalla Direzione Generale della Prevenzione del Ministero della Salute a cui hanno partecipato i rappresentanti delle Regioni. “Le Regioni hanno assunto l’impegno a potenziare tutte le azioni necessarie per implementare la vaccinazione di prossimità, attraverso Open Day vaccinali e ponendo i medici di medicina generale, farmacie e tutti i setting assistenziali nelle condizioni di aumentare la propria offerta vaccinale, provvedendo a una più efficiente distribuzione delle dosi di vaccino Covid e antinfluenzale”, dichiara il Direttore Generale della Prevenzione sanitaria. Anche da parte del Segretario Generale della Federazione Italiana MMG, Silvestro Scotti, è stata confermata la disponibilità dei medici di medicina generale a partecipare a tutte le attività per la vaccinazione, puntando sul rapporto fiduciario con i pazienti, a partire da Open Day nei propri studi ambulatoriali e dalla co-somministrazione di vaccino antinfluenzale e anti-COVID. “Siamo soddisfatti per la partecipazione delle Regioni e l’unanime adesione a questo appello- conclude Vaia- e per la loro manifesta volontà di mettere uniformemente in campo ogni iniziativa per far sì che i cittadini italiani si sentano tutelati e accolti dal Servizio Sanitario Nazionale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn