Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Gualtieri: “Stop a moratoria cartelle, spero Recovery fund operativo a inizio 2021”

ROBERTO GUALTIERI
"Non si può tenere per troppo tempo la sospensione di tasse e cartelle, adesso bisogna ripartire con grande gradualità", dice il ministro dell'Economia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Noi abbiamo rinviato molte tasse e anche sospeso per parecchi mesi le cartelle. Siccome poi si accumulano non è saggio tenere per troppo tempo questa sospensione. Noi abbiamo detto all’Agenzia delle entrate che adesso bisogna ripartire con grande gradualità, parliamo comunque di debiti con il fisco precedenti al Coronavirus, non c’entra nulla la pandemia”. Così il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, a Rainews24. “E’ giusto che i contribuenti saldino i debiti avendo il tempo necessario. Nessuna tragedia epocale come viene annunciata, ma una normale e graduale ripresa dell’attività di riscossione che è fisiologica ed esiste in tutti i paesi”, conclude.

“FIDUCIOSO SIA OPERATIVO A INIZIO 2021”

“Dobbiamo assolutamente finalizzare questo negoziato europeo, non siamo ancora in una situazione di allarme ma in una situazione fisiologica di negoziato. Io sono fiducioso che si riuscirà ad avere il Recovery fund operativo all’inizio dell’anno e Italia sarà pronta con il suo piano”, dice Gualtieri.

“40% FONDI RECOVERY E INVESTIMENTI AGGIUNTIVI”

Dal Recovery plan sono “molte le risorse” che andranno all’ambiente, “noi rispetteremo l’obbligo del 40 per cento” anche èerchè l’Italia “ha bisogno di investire” nel green e ci saranno “investimenti aggiuntivi contro il dissesto idrogeologico”, aggiunge ancora Gualtieri.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»