Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Acquaroli: “Macché zona rossa, i dati confermano le Marche in zona bianca”

Francesco Acquaroli presidente regione marche
Il presidente della Regione risponde alla diffusione della mappa pubblicata dall’Ecdc, Centro Europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Le Marche in zona rossa? “ad oggi i dati sono chiari e collocano le Marche in zona bianca”. Lo mette in chiaro il presidente della Regione, Francesco Acquaroli che risponde così alla diffusione della mappa pubblicata dall’Ecdc, Centro Europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

Le Marche, sottolinea il governatore “seppure con un numero di contagi in aumento rispetto alle settimane passate, sono anche fuori dal rischio zona gialla“. Infatti, aggiunge “con i nuovi parametri, per entrare in zona gialla occorre avere il 10% di ricoveri in terapia intensiva e il 15% in area medica, mentre nella nostra regione, secondo l’ultima valutazione ministeriale datata ieri, ci assegnano il 2% di ricoveri in terapia intensiva e il 3% di ricoverati in area medica, con un tasso di incidenza sotto la media nazionale. Figuriamoci la zona rossa”. Insomma, “non possiamo prevedere cosa accadrà nel prossimo periodo, ma ad oggi i dati sono chiari e collocano le Marche in zona bianca”, chiosa Acquaroli.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»