Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Premio Strega 2019, trionfa Scurati con ‘M. Il figlio del secolo’

Il romanzo dedicato all'ascesa del fascismo e alla figura di Benito Mussolini ottiene 228 voti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono felice della vittoria ma sono anche molto contento che altri italiani leggeranno questo libro. Potranno conoscere meglio la nostra storia: con la speranza che non si ripeta, anche in forme diverse“. Sono le prime parole di Antonio Scurati, vincitore del Premo Strega 2019 con ‘M. Il figlio del secolo’, libro edito da Bompiani dedicato a ricostruire la vita di Benito Mussolini in forma di romanzo, dall’ascesa del fascismo al delitto Matteotti. 

Quello di Scurati è stato un trionfo. Si è infatti aggiudicato il premio Strega con 228 voti. Seconda in classifica Benedetta Cibrario con ‘Il rumore del mondo’ (Mondadori) con 127  voti, terzo Marco Missiroli con ‘Fedeltà’ (Einaudi), 91  voti, quarta Claudia Durastanti con ‘La stranierà (La Nave di Teseo), 63  voti e infine Nadia Terranova, con ‘Addio Fantasmi’ (Einaudi Stile Libero), 47 voti.

Scurati, cinquant’anni compiuti da poco, è nato a Napoli e si è laureato in Filosofia a Milano. Già docente all’università di Bergamo, lavora ora allo Iulm di Milano. Collabora con Internazionale e La StampaTra i suoi tanti successi letterari ricordiamo ‘Il sopravvissuto’, ‘Una storia romantica’, ‘Il bambino che sognava la fine del mondo’, ‘Il padre infedele’. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»