Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Botte, minacce, rapine: a Milano fermata baby gang di 9 minorenni

baby gang
La gang era formata da 9 minorenni italiani: agivano in gruppo e prendevano di mira coetanei e ragazzi anche più grandi: il gip ha firmato per loro un'ordinanza di custodia cautelare in carcere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Custodia cautelare in carcere, decisa dal gip del Tribunale per i minorenni di Milano, per nove minorenni, tutti italiani della provincia del capoluogo lombardo: una baby gang ritenuta responsabile di più episodi di percosse, lesioni, minacce, rapine ed estorsioni a danno di coetanei e anche di ragazzi maggiorenni.

Questa mattina i Carabinieri di Abbiategrasso hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere: le indagini dirette dalla Procura per i minorenni, sono state avviate dalla stazione di Abbiategrasso lo scorso ottobre ed hanno consentito di accertare le responsabilità a carico dei minori, in 11 differenti episodi commessi da luglio al novembre 2018 sia a Milano che ad Abbiategrasso.

“Dalle indagini, condotte con la raccolta di dettagliate denunce e testimonianze, è emerso come la modalità delle aggressioni da parte del branco fosse frutto di una precisa pianificazione, organizzazione e consolidata esperienza criminale”, si sottolinea in una nota dei Carabinieri.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»