hamburger menu

Donna morta nel lago, il carro funebre si perde nella neve: guidatore in ipotermia

L'incredibile vicenda è successa ieri: il feretro era atteso in chiesa a Milano per il funerale che doveva tenersi alle 15. Il mancato arrivo ha fatto scattare l'allarme. L'autista recuperato nella notte in semi ipotermia

Pubblicato:06-01-2024 18:00
Ultimo aggiornamento:06-01-2024 18:56
Canale: Cronaca
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

BOLOGNA – Aspettavano la salma a Milano, per il funerale. Ma il carro funebre che trasportava la salma di Manuela Spargi, la donna che è morta mercoledì 3 gennaio dopo essere finita nel lago di Como con la propria auto a Piano di Colico, si è perso sbagliando strada nel mezzo di una tempesta di neve tra la Valtellina e la Val Brembana. L’uomo, rendendosi conto di essersi perso, era sceso dall’auto sperando di trovare aiuto. È stato recuperato nella notte in condizioni di semi ipotermia. La salma era a 10 chilometri di distanza, con l’auto in mezzo alla strada nella neve in località Fusine, in Valtellina, lungo la strada che porta al passo Dordona. Il quotidiano Il Giorno ha pubblicato la foto del carro funebre nel mezzo di una strada piane di neve.
L’autista, a quanto si apprende, aveva sbagliato strada e non aveva preso la direzione giusta per arrivare a Milano: si è di fatto diretto verso il passo Dordona dove la tempesta di neve stava infuriando. L’uomo è stato recuperato nella notte appena trascorsa dai Vigili del fuoco di Sondrio (il funerale doveva svolgersi ieri alle 15 nella chiesa del Muliardo a Milano), che questa mattina si sono occupati del recupero del carro funebre con la salma di Manuela Spargi. La posizione del veicolo era stata individuata nel tardo pomeriggio di ieri.

Il carro funebre era di un’agenzia di Milano. L’autista, di origini sarde, a quanto pare ha sbagliato strada e anzichè prendere la Statale 36 in direzione Milano si è diretto verso Sondrio, ritrovandosi così sulla strada per il passo di montagna. Nel punto in cui l’uomo ha abbandonato l’auto in mezzo alla bufera di neve, i cellulari non prendono. È stato poi salvato in motoslitta e portato in ospedale. I parenti della donna, 56enne, sono rimasti per ora ad attendere sul sagrato della chiesa senza ricevere alcuna informazione. A un certo punto hanno saputo che il Gps del carro funebre localizzava l’auto in un punto lontanissimo da Milano e nella zona di Sondrio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2024-01-06T18:56:03+01:00