NEWS:

Tg Esteri, edizione del 4 ottobre 2023

Si parla di Convenzione di Istanbul, giornalismo, migranti, hiv

Pubblicato:04-10-2023 12:22
Ultimo aggiornamento:04-10-2023 12:22
Autore:

FacebookLinkedIn

VIOLENZA DONNE. CONVENZIONE DI ISTANBUL ENTRA IN VIGORE PER L’UE

“Una donna su tre al di sopra dei 15 anni ha subito violenze fisiche o sessuali. Molte non lo denunciano. Molti aggressori rimangono impuniti”. Parole pronunciate dalla vicepresidente della Commissione europea Vera Jourova, in coincidenza con l’entrata in vigore per l’Ue della Convenzione di Istanbul. Il documento costituisce un quadro giuridico completo volto a proteggere le donne da ogni forma di violenza, al fine di prevenire, perseguire ed eliminare la violenza sulle donne e la violenza domestica, e di attuare politiche globali e coordinate. Dal momento che l’Ue nel suo complesso è vincolata dalla Convenzione, da questa settimana gli Stati membri dovranno adottare le misure necessarie.

GIORNALISMO. CORSO UE A BOLOGNA DAL 30 NOVEMBRE AL 2 DICEMBRE

Come funziona l’Unione Europea? Quali sono i suoi meccanismi rappresentativi e di promozione dei valori democratici? E come comunicarli al meglio ai cittadini, nel quotidiano, prima e dopo le prossime elezioni europee, attraverso il lavoro giornalistico? Domande al centro di un corso rivolto a cronisti, content creator e operatori dell’informazione in programma nella redazione dell’agenzia Dire a Bologna da giovedì 30 novembre a sabato 2 dicembre. L’iniziativa è promossa dal Parlamento europeo in 18 Paesi. In Italia a organizzare il corso è la Dire, insieme con il service di produzione audiovisiva Total EU.

16MILA ANELLI VAGINALI PER LE DONNE DEL SUDAFRICA CONTRO L’HIV

Via libera in Sudafrica all’acquisto di 16mila anelli vaginali che potranno proteggere da possibili contagi da Hiv. A sostenere l’iniziativa, in rete con associazioni locali, è il Fondo globale per la lotta contro l’Aids, la tubercolosi e la malaria. Peter Sands, il direttore esecutivo dell’organizzazione, in un’intervista con l’agenzia Dire: “Nella lotta contro il virus e contro l’Aids abbiamo ottenuto grandi progressi rispetto alla cura antiretrovirale e ora tante persone con l’Hiv possono vivere a lungo ed essere felici. Dobbiamo però fare progressi anche sulla prevenzione”. Il Sudafrica resta il Paese al mondo con il maggior numero di persone che hanno contratto l’Hiv, più di otto milioni. Il Fondo globale stima che dal 2002 i suoi programmi di contrasto all’Aids, alla tubercolosi e alla malaria hanno salvato 59 milioni di persone.

MIGRANTI. LA ONLUS INTERLIFE: TOOLKIT IN ALTERNATIVA ALLE PARTENZA

Chi sceglie di migrare anche a costo della vita lo fa perché nel suo Paese non ha alternative di una vita dignitosa: a questa necessità risponde il “toolkit” di Interlife, in India e Costa d’Avorio, come racconta la sua presidente, Giorgia Gambini: “È un programma che punta a dare ciò che serve per avviare un’attività, ossia formazione e materie prime, per permettere riscatto dalla povertà e sicurezza alimentare. Studi mostrano un aumento del reddito del 100% con picchi del 170. Può trattarsi di avviare attività agricole, allevamento, negozi, sartorie, parrucchieri. Dipende dal beneficiario. Così, potrà garantire i pasti regolarmente, cure sanitarie e la scuola per figli, evitando l’annoso problema del lavoro minorile”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn