hamburger menu

Così a Ferrara si salvano monumenti e musei ucraini ‘vittime’ della guerra

Spin off dell'Università raccoglie, digitalizza e realizza modelli 3D per preparare la ricostruzione degli edifici distrutti dalla guerra

Pubblicato:04-10-2022 16:58
Ultimo aggiornamento:04-10-2022 16:58
Canale: Cultura
Autore:
Teatro Mariupol
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Ferrara – C’è anche Ferrara fra i ‘salvatori’ di monumenti, musei e opere d’arte dell’Ucraina. Tra i partner del progetto “Save the Ukraine monuments”, nato appunto per salvare il patrimonio ucraino in vista del restauro o la ricostruzione dei monumenti danneggiati, c’è anche lo spin-off Inception, start-up nata da un progetto europeo del dipartimento di Architettura dell’Università di Ferrara che si occupa di digitalizzazione del patrimonio culturale attraverso i più moderni sistemi di modellizzazione 3D. L’iniziativa è stata organizzata dal Consorzio 4CH, con il supporto della Commissione europea, dell’Ambasciata ucraina in Italia, dal ministero italiano della Ricerca e dai ministeri ucraini impegnati nella gestione del patrimonio culturale, nella digitalizzazione e nella ricerca.

PER RICOSTRUIRE CIÒ CHE È DISTRUTTO SI RACCOLGONO IMMAGINI, DOCUMENTI E MODELLI 3D: TRASFERITI E ARCHIVIATI SU SERVER PROTETTI

“L’invasione russa in Ucraina ha creato enormi danni al ricco patrimonio culturale del Paese, con la distruzione di musei e opere d’arte, molti dei quali riconosciuti nell’elenco dei siti patrimonio dell’Unesco. In questa drammatica situazione vediamo i progetti e gli istituti europei lavorare coesi nel settore dei beni culturali, al fine di formare una rete di soccorso per il patrimonio culturale ucraino a partire dalle digital libraries, dimostrando una compattezza e un’unità di intenti che gettano le basi per un futuro comune””, afferma Roberto Di Giulio, professore del Dipartimento di Architettura di dell’Università di Ferrara e direttore dello spin-off Inception. Il lavoro salva-monumenti, già avviato, consiste nella raccolta di immagini, documenti e modelli 3D che saranno utilizzati per agevolare la ricostruzione degli edifici distrutti a causa del conflitto.

UN LAVORO LONTANO DAI RIFLETTORI PER TENERE LONTANI EVENTUALI CRIMINALI INFORMATICI

“I set di dati ucraini sono stati già in gran parte trasferiti e archiviati su server protetti. Coinvolgono grandi istituzioni e organizzazioni o musei relativamente piccoli al di fuori dei centri maggiori. Il trasferimento richiede tempo, a causa dell’inimmaginabile difficoltà da parte ucraina nella raccolta dei dataset e nell’utilizzo di una connessione Internet instabile a causa dello scontro armato”, spiega Di Giulio. Finora, il progetto ha ricevuto dati principalmente da Kiev, Leopoli e Odessa, ma anche da centri minori“. È stato un lavoro delicato, che è stato inizialmente tenuto nascosto per non attirare troppa attenzione da parte dei criminali informatici, ma ora è archiviato in sicurezza su server configurati presso l’Infn”, Istituto nazionale di fisica nucleare, conclude il docente dell’Università di Ferrara.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-10-04T16:58:34+01:00