Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lo scrittore De Giovanni contro Feltri: “Colera a Napoli? Se vieni attento a non ammalarti”

Lo scrittore partenopeo commenta la prima pagina del quotidiano Libero che stamattina titola sul ritorno del colera a Napoli.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://youtu.be/LtOBCRgbaaA

NAPOLI – “A Vittorio Feltri auguro, se viene a Napoli, di non ammalarsi e di stare attento“. A parlare è lo scrittore partenopeo Maurizio De Giovanni, commentando la prima pagina del quotidiano Libero, che stamattina titola sul ritorno del colera a Napoli. “Io non andrei in una città in cui penso che ci sia il colera – avverte De Giovanni -, ma è lui stesso a sapere che non corre pericolo e quindi viene in visita a Napoli”. Per lo scrittore, il titolo del quotidiano è “una cosa indegna, vergognosa e cabarettistica, inutile, dannosa e autolesionista. Mi auguro che un avvocato meridionale faccia causa a questo giornalaccio”.

“Per fortuna Libero ha una platea di utenza limitata, anche perché – attacca De Giovanni – non so come si possa immaginare di spendere anche solo 10 centesimi per comprarlo. Non è la prima volta che quel quotidiano fa una cosa del genere, che significa innanzitutto insultare due persone ammalate, una mamma e un bambino, che sono tornate dal loro Paese con una malattia. La sanità napoletana – aggiunge De Giovanni -, che è ottima e di alto livello è intervenuta immediatamente per risolvere il problema”. Lo scrittore ricorda che “a Brescia ci sono stati molti ammalati e quattro morti per legionella. Noi siamo stati vicini a Brescia e ovviamente nessuno si è sognato di dire che il problema era la sporcizia o lo stile di vita dei cittadini di Brescia”.

De Giovanni, infine, ha invitato l’ordine dei Giornalisti “a perseguire questo scandalo. Anzi, mi meraviglio che l’Ordine taccia”.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»