A 40 anni da ‘Ahi Maria’ esce la raccolta “definitiva” di Rino Gaetano

Grazie alla collaborazione della famiglia pubblicata anche una demo inedita della celebre canzone dedicata alla madre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Esce il 5 luglio 2019 ‘Ahi Maria 40th’,  un quadruplo cofanetto che raccoglie tutta la carriera di Rino Gaetano. A pubblicarlo è Sony Music Legacy in occasione dei quarant’anni dall’uscita della celebre ‘Ahi Maria’ contenuta nell’album ‘Resta vile maschio, dove vai?’.

A 38 anni dalla sua prematura scomparsa, questa raccolta “ci regala tutta l’arte del talento originalissimo, anticonformista e commovente di Rino Gaetano. Quarantotto canzoni in quattro dischi celebrativi di un progetto discografico da collezione e davvero unico: i brani sono stati rimasterizzati in 192KHz/24bit, e la raccolta contiene anche interpretazioni eseguite da altri artisti, oltre a una serie di chicche, rarità, versioni live, e una versione demo inedita di ‘Ahi Maria’ gentilmente fornita dalla famiglia Gaetano”, fanno sapere dalla Sony Music.

Per l’occasione è stato anche pubblicato il videoclip di ‘Sfiorivano le Viole’ che va ad aggiungersi al videoclip ufficiale di ‘Gianna’ pubblicato lo scorso ottobre.

 

“E’ incredibile quanto e come lo stile ed il talento di Rino Gaetano abbiano ricevuto un’attenzione ed una rivalutazione solo dopo la sua scomparsa. Considerato un cantautore disimpegnato ed incline alle melodie ed a testi apparentemente “leggeri”, in realtà Rino era un vero precursore, un visionario con la sensibilità di descrivere la vita con colori inusuali per la sua epoca” ha commentato Paolo Maiorino, Direttore Catalogo Sony Legacy.

rino gaetano“A 40 anni da ‘Resta Vile Maschio’ e dunque da ‘Ahi Maria’ abbiamo provato a ricostruire la sua storia focalizzandoci su un aspetto diverso: capire l’uomo per provare a rileggerne gli scritti. E’ stata una bellissima avventura concretizzatasi grazie al prezioso contributo dei famigliari e di chi lo ha conosciuto e vissuto a quei tempi. ‘Ahi Maria 40th’ dunque è una fotografia del Rino Gaetano personale che per troppo tempo è rimasta nascosta tra le righe delle sue canzoni. Lato musicale abbiamo voluto anche presentare la sua opera artistica attraverso le varie sfaccettature che dai brani in studio a quelli live hanno rappresentato una storia sicuramente troppo breve rispetto a quello che sarebbe potuto e dovuto essere. E grazie al contributo di Anna Gaetano abbiamo potuto recuperare una versione demo della stessa ‘Ahi Maria’ che ha un valore significativo anche in considerazione che a quei tempi si decise di andare poi ad incidere il disco in Messico, un album che era nato evidentemente di chiara ispirazione latina già in partenza”.

‘Ahi Maria’ è il brano che celebra l’amore e il rispetto di Rino Gaetano per sua madre, figura centrale nella sua vita, solido e costante punto di riferimento, sia da piccolo che quando il cantautore raggiunse il successo.

L’artista la considerava per ogni sua decisione importante e addirittura si scambiavano pareri sulle canzoni e lei, scherzosamente, gli faceva da talent scout –manager.

Sebbene in passato il testo sia stato equivocato, è in realtà straordinariamente chiaro ed esprime l’amore che l’autore nutriva per sua madre, e che non poteva essere sostituita da nessun’altra donna, neanche da “la bionda in tutù che gli porta il caffè a letto”.

“La famiglia Gaetano è entusiasta del consolidamento del rapporto di mutua collaborazione intrapreso con Sony Legacy in occasione della pubblicazione di ‘Ahi Maria 40th’, con l’intento di dare al pubblico il ritratto del Rino ‘uomo’ restituendo il quadro della persona umile, spontanea e vicina alle persone, avvicinandoci al Rino ‘’amico’’ che avremmo sempre desiderato conoscere” hanno dichiarato la sorella Anna e i nipoti Alessandro e Maurizio.

“La famiglia, che ha concesso una versione inedita del brano ‘Ahi Maria’, ha lavorato in totale sinergia per la realizzazione di alcuni contenuti del booklet che completa il cofanetto, contribuendo anche con racconti, aneddoti ed aspetti della vita quotidiana di Rino. Tramite l’Associazione Rino Gaetano Onlus, la famiglia celebra ogni anno il patrimonio artistico del cantautore con il ‘Rino Gaetano Day’, giunto quest’anno alla nona edizione, di cui Sony Legacy sposa l’impegno. L’evento, ad ingresso libero, gode della partecipazione di diversi ospiti oltre che della Rino Gaetano Band e richiama a se migliaia di spettatori ogni anno”.

Questa la tracklist completa di ‘Ahi Maria 40th’:

CD 1 : Gianna, Sfiorivano le viole, Supponiamo un amore, Spendi spandi effendi , Berta filava, E io ci sto, Resta vile maschio dove vai , E cantava le canzoni , Rare tracce , Mio fratello è figlio unico, Ad esempio a me piace il sud, A mano a mano

CD 2 : Aida, Nel letto di Lucia, Metà Africa metà Europa, La festa di Maria, Cogli la mia rosa d’amore, E la vecchia salta con l’asta, Ahi Maria, Nuntereggae più, Escluso il cane, Su e giù, A Khatmandu, Aida (Q Concert)

CD 3: Ma il cielo è sempre più blu, Visto Che Mi Vuoi Lasciare, Io scriverò, Fontana chiara, Rosita, Tu, forse non essenzialmente tu, Anche questo è sud, Ping pong, I tuoi occhi sono pieni di sale, Solo con io, Le beatitudini, Aida (Live) (interpretato da Tour In Città Band)

CD 4: Ma il cielo è sempre più blu (interpretato da Giusy Ferreri) , Sfiorivano le viole (interpretato da Daniele Silvestri) , Aida (interpretato da Gianluca Grignani), Le beatitudini (interpretato da Simone Cristicchi) , Escluso il cane (interpretato da Fabrizio Moro), E cantava le canzoni (interpretato da P.F.M.), Mio fratello è figlio unico (live) (interpretato da Rino Gaetano & I Crash) , E Berta filava (Live), Spendi spandi effendi (live), Ma il cielo è sempre più blu (Live) (interpretato da Rino Gaetano & I Crash) , Aida (Live), Ahi Maria (demo)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

4 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»