Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giovedì 10 giugno il webinar sulla sperimentazione didattica con il dBook Indire

dBook INDIRE
I partecipanti avranno l’opportunità di approfondire gli aspetti tecnici e metodologici del dBook e conoscere le varie fasi della sua sperimentazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il dBook  è un piccolo web server sviluppato dal gruppo di ricerca Indire che afferisce all’area tecnologica e consente la creazione di una rete Wi-FI privata in classe. Attraverso questa rete è possibile accedere ad una serie di una serie di strumenti che permettono di realizzare attività didattiche integrate al digitale, collaborative e laboratoriali, senza dover installare nessun software. Funziona secondo un approccio web based  ma non necessita di una connessione internet.

Questa sua caratteristica lo rende particolarmente utile per quelle piccole scuole situate in territori periferici, dove non sempre l’accesso al web è garantito o sufficientemente prestante.  L’utilizzo del dBook non è fine a sé stesso, ma funzionale ad un preciso modello didattico che sviluppa la creatività tramite l’approccio progettuale, l’apprendimento e il problem solving. Attraverso i software contenuti nel device, infatti, gli studenti imparano a collaborare per la realizzazione di un progetto, sviluppando così competenze sociali e personali. Viste le sue ridotte dimensioni, è utilizzabile anche per l’outdoor learning permettendo lo svolgimento di attività, integrate al digitale, basate sull’osservazione diretta di fenomeni naturali e più in generale sull’interazione del bene naturale e culturale nelle attività curricolari.

Questa soluzione è stata proposta in via sperimentale a tre istituti scolastici appartenenti al Movimento delle Piccole Scuole: la Direzione Didattica statale “Don Lorenzo Milani” di Giffoni Valle Piana (Salerno), l’I.C. Pollica “G. Patroni” di Pollica (Salerno) e la scuola primaria “Europa” di Barbarano Mossano (Vicenza). Questi Istituti hanno manifestato l’interesse e la necessità di integrare la propria offerta educativa e, a seguito di un accordo di collaborazione con l’Indire, hanno ricevuto n.5 dBook e verranno accompagnati in percorsi di formazione e sperimentazione.  

Giovedì 10 giugno nel webinar “Sperimentazione didattica con il dBook. Guida alla progettazione e documentazione” i partecipanti avranno l’opportunità di approfondire gli aspetti tecnici e metodologici del dBook e conoscere le varie fasi della sua sperimentazione insieme a Luca Bassani e Rudi Bartolini del gruppo di ricerca indire e alle dirigenti Daniela Ruffolo (Direzione Didattica Statale Giffoni Valle Piana e reggente dell’IC Patroni Pollica) e Maria Pastrello (‘IC “Ramiro Fabiani” di Barbarano Mossano) che daranno testimonianza dell’uso del dBook nel proprio contesto scolastico.

Introduce e modera l’incontro Giuseppina Rita Jose Mangione, Referente della struttura di ricerca Indire sulle Piccole Scuole.

L’evento è aperto a tutte le scuole e si potrà seguire su piattaforma Cisco Webex o in diretta Facebook sulla pagina Indire Piccole Scuole.

Programma dell’incontro

  • La sperimentazione con il dBook – le opportunità per le piccole scuole
  • caratteristiche tecniche del dBook
  • intervento delle Dirigenti scolastiche: bisogni e opportunità del dBook dalla progettazione alla documentazione – strumenti utili
  • domande & risposte

PARTECIPA AL WEBINAR (10 giugno ore 15:00)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»