Usa, negò torta a matrimonio gay: la Corte Suprema dà ragione al pasticciere

Favorevoli sette giudici contro due
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Corte Suprema degli Stati Uniti ha dato ragione a un pasticciere del Colorado, cristiano, che nel 2012 si rifiutò per motivi religiosi di preparare una torta nuziale per una coppia gay. Con decisione non unanime, assunta a maggioranza con sette giudici contro due, il tribunale ha respinto il reclamo presentato dalla Commissione per i diritti civili del Colorado contro Jack Phillips, accusato di aver violato le leggi anti-discriminazione dello Stato in base alle quali i commercianti non possono rifiutarsi di offrire servizi per via di pregiudizi di razza, sesso, stato coniugale od orientamento sessuale.

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»