Traffico di droga all’ombra del clan Santapaola, 25 arresti a Catania

L'indagine, portata avanti dal Nucleo di polizia economico-finanziaria di Catania e coordinata dalla Procura etnea, ha scoperto l'esistenza di "molteplici gruppi criminali organizzati"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – Blitz antidroga della guardia di finanza di Catania. L’operazione, con il supporto del Gruppo aeronavale di Messina e il supporto dei Comandi provinciali di Roma, Napoli e Palermo, ha portato all’arresto di 25 persone, di cui 21 in carcere e 4 ai domiciliari. L’accusa e’ di associazione finalizzata al traffico di droga aggravata dalla finalita’ di agevolare il clan mafioso Santapaola-Ercolano e dalla detenzione di armi. Sequestrati anche un’impresa e due immobili. L’indagine, portata avanti dal Nucleo di polizia economico-finanziaria di Catania e coordinata dalla Procura etnea, ha scoperto l’esistenza di “molteplici gruppi criminali organizzati” che venivano riforniti di cocaina, marijuana, hashish e crack da organizzazioni campane, albanesi, calabresi e laziali. Arrestati in flagranza sei corrieri della droga e sequestrati anche quattro chili di cocaina, 52 di marijuana e 25 di hashish. 

La droga sequestrata dalle fiamme gialle era destinata al mercato della Sicilia orientale e avrebbe fruttato proventio per 2,5 milioni di euro. L’inchiesta e’ stata denominata ‘Shoes’ per via dell’utilizzo da parte degli indagati dei nomi di noti brand di calzature per comunicare i quantitativi di droga da movimentare. Una inchiesta figlia dell’operazione antidroga ‘Stop and Go’ scattata sempre nel capoluogo etneo nel maggio del 2019 e che porto’ in carcere 16 persone espressione di due diversi gruppi criminali con base a Catania e ramificazioni a Torino, Siena, Reggio Calabria, in Spagna e Sud America. L’indagine di oggi ha portato alla luce i traffici di droga portati avanti da due diversi gruppi, uno dei quali legato al clan Santapaola-Ercolano che spadroneggia a Catania. Il primo gruppo sarebbe stato capeggiato da Giuseppe Vasta, uno dei 21 finiti in carcere, che si riformiva di cocaina a Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli. Qui operava Catello Gargiulo, anche lui finito in cella. Un secondo canale di fornitori era stanziato tra Scordia e Militello in Val di Catania, che procurava marijuana. Hashish e marijuana arrivavano anche dal Lazio, dove operavano gli albanesi Klodian Shkrela e Rodolf Sotiri, insieme con Salvatore Catania. Il secondo gruppo attivo nel traffico di droga sarebbe stato guidato da Sebastiano Sozzi, anche lui in carcere: secondo le fiamme gialle “si procurava cocaina e crack da fornitori catanesi e calabresi” insieme con la moglie, Silvana Mirabella, anche lei fra i 21 finiti in cella. Una parte dei proventi sarebbe finita anche alle famiglie di alcuni affiliati al clan Santapaola-Ercolano che si trovano in carcere. Sequestrato anche il ‘Bar Rocher’, che era stato aperto nel gennaio del 2018.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»