Università Pontificia Salesiana di Roma: “A settembre un evento sull’intelligenza artificiale”

Con l’obiettivo della piu’ larga partecipazione al progetto, l’Universita’ lancia una Call for Papers per proposte da discutere
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  L’Universita’ Pontificia Salesiana di Roma sta organizzando un grande evento per le giornate del 25 e 26 settembre, dal titolo ‘Intelligenza Artificiale: per una governance umana. Prospettive educative e sociali’. Lo fa sapere in una nota l’ateneo. L’evento, in base alla possibilita’ del momento, si terra’ in forma presenziale rispettando le misure di distanziamento oppure online. Il portale https://intelligenzartificiale.unisal.it, costantemente aggiornato, ospita il programma in fieri dell’evento, bibliografie, strumenti e utilities per lo studio su questi temi. Sul sito, il progetto stesso cresce, continuamente alimentato dai contributi e dalle idee di soggetti istituzionali, ricercatori, studiosi, appassionati a diverso titolo coinvolti o interessati.

CALL FOR PAPERS

Con l’obiettivo della piu’ larga partecipazione al progetto, l’Universita’ lancia oggi una Call for Papers: coloro che intendano sottoporre una proposta di paper da discutere nell’evento di settembre, o comunque da diffondere attraverso il portale, potranno compilare e inviare entro il 24 maggio 2020 l’abstract del proprio paper, compilando il form presente sul sito al seguente link https://intelligenzartificiale.unisal.it/call-for-papers, dove sono anche indicate tutte le procedure di selezione, le tempistiche e ogni informazione utile.

L’abstract dovra’ consistere in non piu’ di 2 cartelle, essere privo di riferimenti a prodotti commerciali o a materiale sottoposto a copyright di terzi, e recare indicata la pertinenza principale ad uno dei temi previsti su uno o piu’ degli aspetti scelti: teorici e umanistici; casi d’uso pratici, esperenziali, tecnici; altro. L’IA e’ un fenomeno complesso che richiede un approccio non semplicistico, e umanistico, soprattutto quando entrano in gioco le relazioni IA Uomo e IA Societa’. E quindi dell’IA con categorie che il suo uso va inevitabilmente a sollecitare: l’etica, in primis, ma anche la teologia, l’antropologia, la filosofia, la sociologia, la psicologia. Nelle differenze che le applicazioni dell’IA nei diversi contesti geopolitici nazionali, europei, internazionali pongono e pertanto con le diverse conseguenze che generano.

INTELLIGENZA ARTIFICIALE E CAMPI DI APPLICAZIONE

Accanto a questi aspetti, che e’ fondamentale indagare ed approfondire, rivestono importanza oggi per gli addetti ai lavori e per gli utenti i casi d’uso pratici, esperienziali, tecnici messi in campo in tutti i settori: pubblica amministrazione, educazione, ricerca, agricoltura, ingegneria, robotica e informatica naturalmente, ambiente, energia, reti delle telecomunicazioni, mobilita’, smart cities, industria manifatturiera, farmacologia, salute, assistenza alla persona, sicurezza, vision recognition & classification. La diffusione crescente dell’IA, accompagnata ad una evoluzione del pensiero critico su di essa ed accelerata dalla diffusione dell’emergenza epidemiologica che ha imposto una brusca virata verso forme di tecnologia avanzate anche ad ambiti che ne restavano ancora ai margini ne fa un elemento gia’ ben integrato nelle nostre stesse esistenze. Di piu’. Non esiste neanche piu’ una sola Intelligenza Artificiale, ma almeno tre, che gli studiosi definiscono come Artificial Narrow Intelligence, Artificial General Intelligence e Artificial Super Intelligence. Si prefigura una societa’ ibrida e contaminata, una societa’ che in parte e’ gia’ qui ed ora. Ci sono molte domande ed altre ne scaturiranno certamente a cui non si sono date o trovate risposte. Ci sono conseguenze dell’applicazione dell’IA note ed altre che forse non immaginiamo ancora. E come tutti gli esiti del progresso umano, ha lati oscuri che non vanno ignorati e interessi diversi, spesso opposti, da contemperare. Partecipare a questo viaggio di conoscenza e consapevolezza su questo segmento dell’innovazione, e farlo guardando dal finestrino di quanti piu’ ambiti di studio e di attivita’ umane possibili, e’ il cuore di questo progetto, che ci si augura venga compreso nella sua portata e diffusamente condiviso.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»