Francia, Della Vedova: “Tifo Macron e Ue, per Italia forte” VIDEO

Il sottosegretario spiega alla Dire la sua posizione sul ballottaggio all'Eliseo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Tifo per Emmanuel Macron perché sa che il meglio per la Francia, come per l’Italia, e’ dentro l’Unione Europea“: così il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova, in un’intervista alla DIRE rilasciata a tre giorni dal ballottaggio per l’Eliseo.


L’assunto è che le elezioni presidenziali di domenica ripropongano palesemente uno schema già emerso da tempo. “Dopo il voto americano in Francia siamo di fronte in modo esplicito a un nuovo bipolarismo, aperto-chiuso, non piu’ destra-sinistra” sottolinea Della Vedova.

La conferma arriverebbe dallo schieramento di Jean-Luc Melenchon, il candidato risultato quarto il 23 aprile ed escluso dal ballottaggio pur avendo raccolto quasi il 20 per cento delle preferenze.

“Questa sinistra”, ragiona il sottosegretario, “non sceglie perché un suo pezzo condivide l’impianto di Le Pen all’insegna della chiusura”.

LEGGI ANCHE Della Vedova: “Vi spiego Forza Europa, radicali pro-Ue” VIDEO

Opposta la ricetta proposta dall’ex ministro dell’Economia di Francois Hollande, giunto al primo posto il 23 aprile. “Dentro questo bipolarismo Macron sta dalla parte dove sto io e dove devono stare tutti coloro che vogliono il meglio per il proprio Paese” dice Della Vedova. “E per la Francia e l’Italia il meglio ci sarà solo dentro l’Unione Europea”.

A contare, poi, sono anche i simboli. “Macron ha sventolato la bandiera della Francia accanto a quella dell’Ue” sottolinea il sottosegretario. “E’ un fatto inedito che manda un segnale giusto e potente per il Paese dello sciovinismo”. La strada da percorrere, secondo Della Vedova, è una sola. “La Francia e l’Italia saranno forti nell’Europa, mentre fuori non saranno nulla a differenza di quello che pensa e dice Le Pen e di quello che pensano e dicono in Italia, Salvini, Meloni o Grillo”.

LEGGI ANCHE Migranti, Della Vedova: “Su ong polemica stupida, quest’anno record di morti” VIDEO

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»