Della Vedova: “Vi spiego Forza Europa, radicali pro-Ue” VIDEO

ROMA – “Serve un linguaggio radicale” spiega alla DIRE Benedetto Della Vedova, sottosegretario agli Esteri, ricordando un impegno cominciato ben prima di entrare in parlamento. Lo spunto è una domanda su Forza Europa, il movimento che ha presentato a marzo insieme con un’altra radicale, Emma Bonino.


La convinzione è che oggi, di fronte a “un nuovo bipolarismo” segnato dall’offensiva dei nazionalismi e dal rischio di chiusure fuori dal tempo, serva “un messaggio esplicito”.

Un impegno che Della Vedova spiega ritornando sul senso e le motivazioni della sua prima militanza. “Noi siamo riformatori e personalmente ho cominciato a far politica con i referendum radicali per cambiare l’Italia, ma non perché se non fosse cambiata sarei scappato via”.

LEGGI ANCHE Francia, Della Vedova: “Tifo Macron e Ue, per Italia forte” VIDEO

Il riferimento, a pochi giorni dal ballottaggio per la presidenza francese, mentre i sondaggi in Italia premiano il Movimento Cinque Stelle, è all’Ue. “Oggi solo chi ha ben presente che il futuro migliore per i nostri figli è dentro l’Europa e che ama l’Europa così com’è la saprà rendere ancora migliore” sottolinea Della Vedova.

Convinto che una posizione differente, sia pur non segnata da un rifiuto pregiudiziale, sia pericolosa. “Chi oggi dice ‘sì all’Europa ma non così’ rischia di portare acqua al mulino di chi l’Europa non la vuole e basta”.

LEGGI ANCHE Migranti, Della Vedova: “Su ong polemica stupida, quest’anno record di morti” VIDEO

Il rischio sarebbe favorire chiusure nazionalistiche sulla falsariga di quanto sta avvenendo con Brexit. Secondo il sottosegretario, allora, bisogna “dire sì all’Europa per poterne poi avere una migliore”.

Discorso che il nuovo movimento propone con forza. “La logica di Forza Europa è questa” scandisce Della Vedova: “Prendersi il tempo per raccontare che chi vuole portare l’Italia fuori dall’Europa ha torto; e facendolo con un linguaggio radicale, pro-Europa”.

LEGGI ANCHE La nascita di Forza Europa nel Tg Politico

4 maggio 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»