Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Nuovo Cinema Palazzo, gli attivisti: “Aspettiamo risposta dalle Istituzioni”

"Chiediamo di essere protagonisti del futuro di questa realtà"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print







Previous
Next

ROMA – “Aspettiamo una risposta dalle istituzioni che si sono spese tanto in questi giorni nel dire quanto e’ importante questo spazio. Siamo stati tutti privati di qualcosa e vogliamo ricostruire insieme il Nuovo Cinema Palazzo che verrà“. È questo il grido che si alza da piazza dei Sanniti, nel cuore del quartiere San Lorenzo di Roma, dove una settimana fa la storica struttura e’ stata sgomberata dalla Polizia dopo 9 anni di occupazione. Gli attivisti continuano a manifestare il loro dissenso con flashmob e forme di protesta pacifiche, promettendo: “Andremo avanti, tutti i giorni. Non ci fermeremo”.

LEGGI ANCHE: Sgombero Cinema Palazzo a Roma, occupato simbolicamente un altro stabile

Sgombero Cinema Palazzo a Roma, occupato simbolicamente un altro stabile

Il proprietario del Nuovo Cinema Palazzo: “Ecco come è andata la trattativa con Comune e Regione”

Dal microfono della piazza, davanti all’ex cinema gli attivisti, le associazioni, i volontari e i ragazzi di San Lorenzo ribadiscono: “Questa esperienza non si puo’ cancellare. Siamo convinti che esista un altro modo di fare cultura e socialita’. Questo spazio e’ stato per 9 anni un laboratorio politico e culturale che ha arricchito tutta la citta’ e tutto il quartiere. Questi sit in e queste piazze- spiegano- sono la dimostrazione di quello che siamo riusciti a creare tutti insieme. Noi resteremo qui e continueremo a portare avanti questa battaglia. Non e’ possibile che gli spazi vengano sgomberati e abbandonati e gli unici progetti che esistono siano dannosi per la comunita’, come e’ stato con il casino’. Qual e’ il futuro del Nuovo Cinema Palazzo? Noi vogliamo essere protagonisti di questo futuro, vogliamo essere ascoltati dalle istituzioni. Non siamo numeri, corpi da sgomberare e reprimere con la forza pubblica. Vogliamo proporre un altro modo di stare insieme. Continueremo a stare qui e a gridare che il Cinema Palazzo e’ un bene comune, appartiene alla comunita’. È un progetto che viene dal basso e deve essere difeso, non puo’ essere cancellato”. Al sit-in, cui stanno partecipando alcune decine di persone, si stanno alternando interventi di cittadini e gruppi di artisti. Nel pomeriggio sono previsti interventi in presenza e via web di esponenti del mondo dello spettacolo e della cultura.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»