Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Riapre la discarica a Colleferro, in arrivo la lista dei siti per Roma

L'Ama è pronta a fornire aree per le trasferenze e a bandire la gara per l'estero
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo una decina di giorni di chiusura, per effettuare delle analisi geognostiche su richiesta della magistratura che indaga sulla morte di un operaio, ha riaperto la discarica di Colleferro. L’impianto di smaltimento di Lazio Ambiente ha ripreso ad accogliere i camion da oggi pomeriggio e da domani tornerà a funzionare a pieno regime. Roma può quindi tornare a tirare un piccolo sospiro di sollievo nella gestione del suo ciclo dei rifiuti e lo stesso vale per Civitavecchia, che ospita la discarica di Fosso di Crepacuore dove, dopo l’ordinanza di Virginia Raggi (come sindaco della Città Metropolitana), era stato disposto l’invio di 1000 tonnellate al giorno di scarti e fos del trattamento dei rifiuti indifferenziati della Capitale. Ora quell’impianto non servirà più a Roma (se non per quelle 300 tonnellate al giorno già contrattualizzate in passato).

Grazie alla riapertura dell’impianto di Colleferro, Ama potrà tornare a mandare a trattamento fuori dai confini della città tutti quei rifiuti talquali che il suo tmb di Rocca Cencia e i due di Malagrotta (che hanno ripreso da fine mese a lavorare 1250 tonnellate al giorno) non sono in grado di trattare per insufficienza di capacità. L’amministratore unico della municipalizzata capitolina dei rifiuti, Stefano Zaghis, ha partecipato in mattinata all’ultima riunione dell’organismo tecnico istituito con ordinanza del presidente della Regione, Nicola Zingaretti, e composto dagli uffici preposti di Regione, Comune e Città Metropolitana, che domani indicherà la lista di aree idonee per costruire la discarica di Roma. Zaghis si e’ impegnato a bandire la gara europea per il trasporto all’estero dei rifiuti di Roma: a questo scopo giovedì ci sarà una riunione con Invitalia (che aiuterà l’Ama a costruire questa procedura). Al più tardi, nello stesso giorno l’azienda municipalizzata dovrebbe fornire le due aree dove realizzare altrettante stazioni di trasferenza, altro punto previsto nell’ordinanza della scorsa settimana del governatore. La prescrizione più importante di quell’atto riguarda il sito dove andrà realizzata la discarica di Roma per evitare che la città vada in emergenza igienico sanitaria, visto che dal 15 gennaio 2020 chiuderà definitivamente la discarica di Colleferro. Domani l’organismo tecnico fornirà la relazione finale indicando da una parte una lista con gli impianti di smaltimento in esercizio (che presumibilmente necessiteranno di opere per ospitare una discarica di rifiuti speciali non pericolosi derivanti dal trattamento dei rifiuti urbani) e dall’altra un elenco di aree idonee partendo da quelle con minori criticità. A quel punto la palla passerà alla sindaca Raggi, che avrà una settimana di tempo per scegliere dove far costruire la nuova discarica di Roma, oltre sei anni dopo la chiusura di Malagrotta.

Secondo quanto apprende l’agenzia Dire, il clima è stato costruttivo e c’è la consapevolezza che stavolta non si può più perdere tempo. Anche perché in caso di rifiuto della prima cittadina, Zingaretti nominerà al suo posto uno o più soggetti attuatori dell’ordinanza e manderà le carte in procura per le eventuali omissioni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»