Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Finanziavano un foreign fighter islamico col reddito di cittadinanza, denunciati a Bologna

Due cittadini tunisini utilizzavano un money transfer per inviare denaro ad un connazionale iscritto nelle liste antiterrorismo del Belgio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Sono accusati di aver finanziato fino ad aprile, avvalendosi di un money transfer in provincia di Ferrara, “un pericoloso foreign fighter islamico” iscritto nelle liste antiterrorismo del Belgio e localizzato in Tunisia. Si tratta di due cittadini tunisini, denunciati dalla Guardia di Finanza di Bologna.

Coordinata dal pm Antonio Gustapane, l’indagine si è sviluppata attraverso l’esame di segnalazioni per operazioni sospette, l’analisi dei flussi di conti correnti bancari e il ricorso agli strumenti di cooperazione internazionale messi a disposizione da Europol attraverso il ‘terrorism finance tracking program’, oltre che grazie a appostamenti, pedinamenti, perquisizioni locali e personali.

LEGGI ANCHE: Truffa a Bologna: la banda dei bancomat rubava le buste con i nuovi pin

È stato accertato, fra l’altro, che gli indagati hanno percepito il reddito di cittadinanza, dichiarando false posizioni reddituali e lavorative, per una somma di 12.000 euro, che dovranno restituire. I due tunisini sono stati denunciati anche per invasione di terreni o edifici perché occupavano, dal 2011, un alloggio popolare pur non avendone più alcun titolo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»