Favino saluta Proietti con una poesia in romanesco

"Però ‘n se fa così, tutto de botto. Svejasse e nun trovatte, esse de colpo a lutto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Pierfrancesco Favino saluta Gigi Proietti a modo suo, con una poesia in romanesco che omaggia il mattatore della Capitale. Sulla sua pagina Facebook, l’attore, Coppa Volpi all’ultima Mostra del Cinema di Venezia per ‘Padrenostro,’ ha espresso il dolore per una perdita inaspettata e improvvisa, che ha impedito al pubblico che ha tanto amato Proietti un ultimo saluto. Una morte sopraggiunta nel giorno dell’80esimo compleanno del grande attore, quello che sarebbe dovuto essere un giorno di festa e che si è trasformato nel giorno dell’addio. In tanti quelli che questa mattina si sono recati sotto la clinica privata Villa Margherita, dove un arresto cardiaco si è portato via l’attore romano, per lasciargli un bigliettino e dei fiori. Favino, invece, ha voluto salutarlo così.

LEGGI ANCHE FOTO | VIDEO | Fiori e biglietti per Gigi Proietti: “Sta mandrakata non ce la dovevi fa”

Gigi Proietti e Roma: un amore indissolubile

Addio a Gigi Proietti: l’omaggio della Rai con film, fiction e uno speciale

L’ADDIO DI FAVINO A PROIETTI

Però ‘n se fa così, tutto de botto.Svejasse e nun trovatte, esse de colpo a lutto.Sentì dentro a la panza strignese come un nodoSape’ che è la mancanza e nun avecce er modode ditte grazie a voce pe’ quello che c’hai datope’ quello che sei stato, perché te sei inventatoun modo che non c’era de racconta’ la vitae ce l’hai regalato così un po’ all’impunita,facendo crede a tutti che in fondo eri normale,si ce facevi ride de quello che fa male,si ce tenevi appesi quando facevi tutto,Parla’, balla’, canta’, pure si stavi zitto.Te se guardava Gi’, te se guardava e bastacome se guarda er cielo, senza vole’ risposta.All’angeli là sopra faje fa du risate,ai cherubini imparaje che so’ le stornellate,Salutece San Pietro, stavolta quello vero,tanto gia’ ce lo sanno chi è er Cavaliere Nero.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»