FOTO | VIDEO | Fiori e biglietti per Gigi Proietti: “Sta mandrakata non ce la dovevi fa”

Tanti i messaggi dei fan, insieme ai fiori, sul muretto davanti all'ingresso di Villa Margherita, la clinica privata dove stanotte è morto il grande attore romano
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

di Emiliano Pretto e Nicoletta Di Placido

  ROMA – “Ciao Mandrake. Mò vola in paradiso. Pure lì sarai er meglio“. Questo il testo di uno dei tanti biglietti lasciati questa mattina, insieme ai fiori, sul muretto davanti all’ingresso di Villa Margherita, la clinica privata dove stanotte è morto Gigi Proietti. Il Covid ha tenuto lontane le grandi folle dalla struttura sanitaria ma molti suoi fan e semplici cittadini hanno comunque voluto lasciare un pensiero o una testimonianza, già da questa mattina presto. Sono passati per un ultimo saluto, rigorosamente a distanza però, perché nella clinica non possono entrare estranei, anche attori come Tullio Solenghi e Nadia Rinaldi, in lacrime. E si è vista la sindaca di Roma, Virginia Raggi, l’unica che è potuta accedere nella struttura.

biglietti_proietti4“Sta mandrakata non ce la dovevi fà” hanno scritto Luca e Silvia in un bigliettino sistemato vicino ad una bottiglia di spumante con la scritta “Gigi 80“. E poi su altri bigliettini ecco altri messaggi: “Grande attore. Indimenticabile. Sei entrato nella storia di Roma” e anche “Ciao Gigi sei stato unico sia come uomo che come attore. Ti voglio tanto bene”.

LEGGI ANCHE: Addio a Gigi Proietti: l’omaggio della Rai con film, fiction e uno speciale

Gigi Proietti e Roma: un amore indissolubile

Morto Gigi Proietti, il grande attore romano si è spento a 80 anni

Al momento non sono ancora noti luogo e orario per i funerali e per un’eventuale camera ardente. Dallo staff dell’attore filtra solo l’indicazione sul fatto che ogni decisione verrà presa dopo le nuove disposizioni governative sul tema Covid. Forse solo questa sera si saprà se Roma potrà dare un ultimo degno saluto ad uno dei suoi cittadini più grandi ed amati di sempre.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»