Roma, l’opera in concerto alla ‘Nuvola’: tre date gratuite a settembre

raggi, fuortes e rosati presentano iniziativa al convention center
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il Teatro dell’Opera di Roma porta la musica dal vivo per la prima volta alla Nuvola-Roma Convention Center. Andranno in scena l’11, il 18 e il 23 settembre i tre concerti gratuiti che vedranno protagonisti l’Orchestra dell’Opera capitolina e i cantanti del progetto ‘Fabbrica’ Young Artist Program, un vero e proprio viaggio nella storia dell’opera, da Gluck al belcanto, presentato stamattina in una conferenza stampa all’interno della struttura nel cuore dell’Eur dalla sindaca di Roma, Virginia Raggi, dal sovrintendente del Costanzi, Carlo Fuortes e dall’amministratore delegato di Eur Spa, Antonio Rosati.

Nel concerto di venerdi’ 11 settembre Gianluca Capuano dirigera’ un programma dedicato a Gluck (brani da Orfeo ed Euridice e Alceste), e Mozart (da La clemenza di Tito e Idomeneo, re di Creta), mentre alla bacchetta di Fabio Biondi saranno affidati i successivi due concerti, quello di venerdi’ 18 settembre dedicato a Rossini (brani da Il barbiere di Siviglia, La scala di seta, La Cenerentola, La cambiale di matrimonio, L’italiana in Algeri, ll signor Bruschino) e quello di mercoledi’ 23 settembre dedicato a Bellini (Il pirata, I Capuleti e i Montecchi, Norma) e Donizetti (L’elisir d’amore, La favorita, Anna Bolena, Don Pasquale). Le voci soliste saranno quelle di Sharon Celani, Agnieszka Jadwiga Grochala, Marianna Mappa, Irene Savignano, Angela Schisano, Alessandro Della Morte, Arturo Espinosa e Domingo Pellicola, tutti talenti di ‘Fabbrica’ Young Artist Program del Teatro dell’Opera di Roma, progetto nato nel 2016 – e giunto alla sua terza edizione – per valorizzare e formare nuove generazioni di artisti tramandando e promuovendo la specificita’ della tradizione operistica italiana.

Tutti i concerti inizieranno alle 20. “Con i Concerti alla Nuvola nasce una formula inedita e suggestiva, che avra’ sicuramente futuro. Gli artisti e la musica del Teatro dell’Opera arricchiranno uno spazio architettonico di grande fascino, la Nuvola, dedicato all’incontro delle persone, nel cuore dell’Eur- ha detto Raggi- Dopo il successo e le emozioni dell’Opera nello scenario storico del Circo Massimo, portiamo, grazie a una preziosa collaborazione tra istituzioni cittadine, musica classica e lirica in uno spazio contemporaneo come la Nuvola.

È un ulteriore e importante segnale di ripartenza. Un invito ai romani, a tutti cittadini, a incontrarsi, a rivivere pienamente la citta’, grazie all’arte e alla cultura. Nel segno della sicurezza e dell’accessibilita’”.

Una sperimentazione, ha sottolineato la sindaca, “che potra’ essere la base per una futura collaborazione: siamo aperti a futuri sviluppi”. Un’iniziativa, quella dei Concerti alla Nuvola, che assume un significato maggiore inserita nell’attuale contesto: “Tante cose in questo momento non si possono fare, pero’ se ne possono sperimentare altre. Roma e’ una citta’ resiliente, lo ha dimostrato negli ultimi duemila anni, cercando sempre di reinventarsi.

Ecco allora- ha concluso Raggi- l’idea di pensare a un nuovo utilizzo di questo spazio cosi’ contemporaneo per una esibizione di musica e canto classico. È un modo per dire ai romani ‘non abbiate paura del futuro’. Sperimentiamo questo progetto in tre date, vediamo come va, e’ una base per una futura collaborazione piu’ ampia”.

“Siamo molto felici del progetto Concerti alla Nuvola, che porta la grande musica all’interno dell’Auditorium di piu’ recente realizzazione a Roma- ha dichiarato Fuortes- Un’iniziativa, fortemente sostenuta dalla sindaca Virginia Raggi, che consolida la vocazione del Teatro dell’Opera di uscire dalle proprie mura per diventare sempre piu’ una risorsa al servizio della comunita’.

Cio’ mi pare tanto piu’ necessario in questa fase storica che suggerisce con forza l’innovazione dei modelli di offerta culturale. Desidero ringraziare Antonio Rosati ed Eur Spa per avere abbracciato con entusiasmo la nostra proposta”.
Come ricordato dal sovrintendente “abbiamo fatto una stagione estiva al Circo Massimo, una splendida intuizione con 23mila spettatori, e ripreso le attivita’ al Costanzi, tutto nel rispetto dei protocolli sanitari.

Abbiamo dimostrato che si puo’ ripartire, con la massima attenzione alla prevenzione, nonostante l’epidemia in corso. Il Teatro dell’Opera non e’ un fortino ma qualcosa che si apre alla citta’ e lo abbiamo dimostrato.

Il successo dell’Auditorium negli anni e’ stato dovuto alla diversificazione, credo che fare la stessa cosa anche qui alla Nuvola sia una idea strategica importante. I concerti- ha concluso Fuortes- li abbiamo immaginati per tutti i cittadini, sono gratuiti e aperti a tutti, da domani si potranno prenotare i biglietti online.

Abbiamo immaginato un piccolo viaggio in tre concerti sulla storia del canto dal 700 all’800, fatto dai giovani cantanti del progetto Fabbrica, uno dei punti di orgoglio del Teatro dell’Opera”. “Dopo il successo del Floating Theatre proseguiamo sulla strada di un nuovo Umanesimo per l’Eur: un’idea di rilancio, al servizio del quartiere, che coniuga cultura e arte- ha commentato Rosati- Grazie a una brillante intuizione di Carlo Fuortes, che ringrazio, intorno alla Nuvola, opera contemporanea inestimabile, vogliamo proporre in particolare ai piu’ giovani un’idea di citta’ ricca di posti belli a disposizione di tutti.

In questo particolare momento di difficolta’ occorre usare fantasia e a Roma abbiamo una corta importante do giocare per fronteggiare la crisi: un’economia della bellezza fondata sui valori dell’arte e della cultura, accessibili e disponibili a tutti”.

I posti a disposizione del pubblico sono singoli, non numerati e per un massimo di 600 spettatori (risultato del distanziamento partendo dai 1.800 totali). L’ingresso ai concerti e’ gratuito e sara’ contingentato, con una assegnazione dei posti studiata appositamente per assicurare il rispetto della distanza di sicurezza all’interno dei luoghi di aggregazione, in attuazione delle disposizioni per contenere la diffusione del Covid-19.

È necessario prenotare il proprio biglietto. Sara’ possibile effettuare le prenotazioni dalle 10 di giovedi’ 3 settembre via internet, sul sito operaroma.it e su ticketone.it, o presso la biglietteria del Teatro dell’Opera di Roma.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»