Burioni: “Non si dovrebbe votare nelle scuole, è imbarazzante”

"Luoghi alternativi dovrebbero essere stati da tempo identificati in modo da non intralciare ulteriormente una gia' tribolata attivita' scolastica", dice il virologo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non si dovrebbe votare nelle scuole e luoghi alternativi dovrebbero essere da tempo identificati in modo da non intralciare ulteriormente una gia’ tribolata attivita’ scolastica”. Lo scrive il virologo Roberto Burioni sul suo sito ‘Medical Facts‘.

Non voglio entrare nella polemica, che oramai assomiglia molto a una lotta nel fango a scopi politici- prosegue- tuttavia c’e’ una cosa che io, da scienziato, vorrei dire alla politica. Il 14 settembre si aprono le scuole e il 20 settembre si vota, con il solito allestimento dei seggi negli edifici scolastici e la coda di disinfezione e via dicendo. Che non si sia trovata una soluzione a questo problema- conclude- e’ davvero imbarazzante“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»