Reggio Calabria, Falcomatà (Pd): “Pronto alla riconferma”

22 consiglieri uscenti a sostegno di nuova campagna elettorale
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA – Vuole completare quanto avviato in questi quattro anni e mezzo alla guida del Comune di Reggio Calabria il dem Giuseppe Falcomata’ che forte del sostegno di 22 consiglieri comunali uscenti pronti a sostenerlo anche a fronte di una possibile strada che porterebbe alle primarie. In occasione di ‘S’intesi, il villaggio delle idee’, iniziativa politica promossa dalle liste civiche a suo sostegno, il primo cittadino ha lanciato formalmente l’avvio della campagna elettorale che punta ad una sua riconferma alla guida di Palazzo San Giorgio.

Nel corso delle quattro giornate all’interno del villaggio, una sorta di festa dell’Unita’, ma senza simboli di partito, si e’ visto tutto l’apparato del Pd cittadino e regionale da Nicola Irto, attuale presidente del Consiglio regionale, a Demetrio Battaglia, gia’ parlamentare e dirigente ancora molto influente.

Una compattezza tra le diverse anime politiche che non si registrava da tempo.
A fare compagnia al Pd reggino e delle liste civiche collegate, anche pezzi importanti provenienti da LeU e la Sinistra, quali l’attuale presidente del Consiglio comunale Demetrio Delfino e il consigliere regionale Giovanni Nucera, ma anche i Verdi rinati in citta’ dopo un lungo periodo di silenzio.

Una condizione che escluderebbe una possibile strada comune con il M5s, mai chiesta dagli eletti locali ma tanto auspicata dalla leadership nazionale. Sugli aspetti programmatici Giuseppe Falcomata’ vorrebbe riproporre anche uno dei punti di forza di quanto progettato dalle ultime giunte comunali di centrodestra: il museo del Mare progettato dall’architetto Zaha Hadid.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»