Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Emiliano: “A ottobre prevediamo una nuova crescita dei contagi”

"Posso assicurare che in Puglia, per quello che è umanamente possibile, c'è il massimo della sicurezza possibile per tutti i turisti che decideranno di venire qui"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Quest’anno noi prevediamo di avere certamente a ottobre una crescita dei contagi ma, come sta avvenendo in Inghilterra, siamo anche fiduciosi che non ci sarà un’ospedalizzazione connessa all’eventuale aumento dei contagi”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano a margine della consegna di venti nuove ambulanze destinate agli ospedali e alla rete dell’Emergenza e urgenza 118 della Asl di Bari. Il presidente ha ricordato ai giornalisti che l’estate scorsa “mentre io parlavo della certezza della seconda ondata, tant’è che non volevo fare le elezioni, c’era chi mi diceva ‘no, non ti preoccupare facciamo le elezioni, riapriamo le scuole, andrà tutto bene’. Non aggiungo altro”. “Si è diffusa l’idea che sia stato il grande accesso alle strutture turistiche dell’anno scorso a determinare la seconda ondata. Non è vero ed è evidente per una questione di date: l’ondata è partita ai primi di ottobre in coincidenza con l’apertura delle scuole quando l’ondata turistica era assolutamente esaurita – ha proseguito Emiliano – eravamo consapevoli che non era certo l’intensità dell’attività turistica l’innesco della seconda ondata”. “Posso assicurare che in Puglia, per quello che è umanamente possibile, c’è il massimo della sicurezza possibile per tutti i turisti che decideranno di venire qui”, ha continuato Emiliano invitando comunque a “essere attenti, prudenti”. “Bisogna anche lavorare perché sono anni che non riusciamo a lavorare a pieno regime e questo è un danno molto grave – ha sottolineato – Però abbiamo fiducia perché dai sondaggi la Puglia sarà insieme alla Toscana la regione più scelta” dai turisti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»