Operazioni antimafia a Palermo e Catania, 50 arresti. Salvini: “Italia è più pulita”

Nel capoluogo siciliano è stato colpito il mandamento di Brancaccio, mentre a Catania un clan vicino ai Cappello
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Due operazioni antimafia importanti, oggi, a Catania e Palermo. 

Il blitz antimafia della polizia a Palermo ha colpito una delle storiche famiglie del capoluogo: quella di corso dei Mille, nel mandamento di Brancaccio.

Oltre venti i destinatari di una misura cautelare richiesta dalla Direzione distrettuale antimafia. Gli indagati dovranno rispondere, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione aggravata, incendio, trasferimento fraudolento di valori aggravato, autoriciclaggio, detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e contrabbando di tabacchi lavorati esteri. Il blitz della squadra mobile è stato denominato ‘Maredolce 2’.

Scoperti gli interessi del clan in diversi settori: droga, slot machine, il controllo di alcune case di riposo, estorsioni. Gli arrestati esercitavano “un capillare e rigoroso controllo del territorio – spiegano dalla squadra mobile di Palermo – anche nei confronti della microcriminalità predatoria, assoggettata all’autorità mafiosa”. Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati beni per circa un milione di euro.

Dalle prime luci dell’alba i carabinieri del Comando provinciale di Catania stanno eseguendo delle misure cautelari, emesse dal gip del Tribunale etneo su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di 25 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti, con l’aggravante del metodo mafioso. L’operazione rappresenta l’epilogo di una indagine condotta dai carabinieri dal settembre 2017 al febbraio 2018 e che ha consentito di definire la struttura, le posizioni di vertice e i ruoli dei membri nell’ambito del gruppo criminale attivo nel popolare quartiere ‘Librino’ di Catania e riconducibile al clan mafioso dei Cappello.

SALVINI: “L’ITALIA OGGI E’ PIU’ PULITA”

“Cinquanta arresti tra Palermo e Catania e beni sequestrati per un milione di euro: Polizia e Carabinieri hanno colpito un clan operante nel mandamento di Brancaccio e un gruppo legato alla cosca Cappello che faceva affari con la droga. Le accuse sono gravissime: estorsione, incendio, contrabbando, autoriciclaggio, spaccio”. Lo dice AMtteo Salvibni, vicepremier e ministro dell’Interno. “Grazie alle Forze dell’Ordine e agli inquirenti- aggiunge-: l’Italia stamattina è più pulita. E oggi sarò in Calabria per restituire ai cittadini un bene confiscato alla ‘ndrangheta. Avanti tutta!”.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

2 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»