Sindaco di Sorrento: “Spero in un’unica stagione turistica dall’estate a Natale”

sorrento
A dirlo è il primo cittadino Massimo Coppola, intervenuto agli Stati generali del Turismo ospitati nella cittadina campana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Nel 2020 la stagione è terminata bruscamente a metà settembre, ora siamo sicuri che, con la campagna vaccinale arrivata a buon punto in autunno, potremo prolungare la stagione turistica e farne un unicum fino a Natale. Sicuramente ci sono margini per una stagione migliore di quella dello scorso anno”. Ne è convinto il sindaco di Sorrento, Massimo Coppola, intervenuto agli Stati generali del Turismo ospitati nella cittadina campana.

“Fare a meno degli stranieri è difficile – ha detto – perché è una città che da sempre ha nel suo dna l’internazionalità. Ma Sorrento ha anche dato prova di saper mutare bene rispetto alle esigenze del mercato e conquistare il turismo di prossimità. Sarà il punto di riferimento per i prossimi mesi”. “Il nostro obiettivo – ha aggiunto il primo cittadino – è quello di rilanciare il comparto turistico. Sorrento è la storia del turismo a livello non solo nazionale ma mondiale. Da qui abbiamo scelto di ripartire con gli Stati generali, ascoltando le categorie, gli attori del comparto, programmando insieme a loro le ripartenze non appena le condizioni sanitarie ce lo permetteranno. Abbiano poi colto l’occasione per sollecitare il governo ad accelerare sulle vaccinazioni per ripartire più forti e consapevoli di prima”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»