Gassmann mantiene la promessa e gli dà di ramazza. L’ironia dei romani sul web: “Poi passa a casa mia!”

Si compiace del risultato, Alessandro Gassmann, perché ora “il vicoletto sotto casa brilla!” dopo solo “un'oretta e mezza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Si compiace del risultato, Alessandro Gassmann, perché ora “il vicoletto sotto casa brilla!” dopo solo “un’oretta e mezza di lavoro”. Tuttavia le cicche si sono rivelate le più acerrime nemiche della scopa, ma la prossima volta toccherà alla “scritta a terra”, tanto alle “vesciche dell’artista” si può resistere. Di cosa sta parlando? Mantenendo fede alla proposta che aveva lanciato a fine luglio al grido dell’hashtag #romasonoio, Gassman ha iniziato stamattina presto a spazzare la propria strada, documentando poi il risultato con foto e commenti pubblicati sul suo account Twitter. Smettere di lamentarsi e prendere tutti la ramazza in mano per ripulire la città, perché il degrado urbano, ne è convinto, si combatte a colpi di olio di gomito. E per chi avrà la malaugurata idea di sporcare di nuovo, dà un avvertimento: “Io sono grosso!”.

Tra i tanti “Bravo” e “Meno male che qualcuno ancora mantiene le promesse”, non sono mancate comunque le critiche: all’attore figlio d’arte qualcuno ricorda che per la pulizia i cittadini pagano delle tasse, e quindi ci si aspetta che il servizio pubblico funzioni. Alcuni colgono anche la palla al balzo per sollecitare il sindaco Marino allo stesso atto di coerenza, mettendo in strada i 300 spazzini che aveva promesso sempre a luglio.

Molti altri poi non hanno resistito alla tentazione di fare dell’ironia: mentre alcuni sostengono che i romani scendono in strada solo quando bisogna andare a salutare l’arrivo del nuovo calciatore di turno, altri chiedono a Gassmann, una volta finito in strada, di fare un giro di pulizie anche a casa loro.

Se il gesto doveva servire a sensibilizzare cittadini e amministrazione pubblica al problema, comunque, l’obiettivo è stato raggiunto: oltre a trovare altrettante foto che ritraggono persone comuni munite di scopa e guanti gialli per le vie di Roma, il dibattito è stato lanciato. E quando si tratta delle parole, si sa, le energie non finiscono mai.

Di Alessandra Fabbretti

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»