Nucleare, Francesco Pietrantuono: “No a deposito scorie in Basilicata”

POTENZA – “Non abbiamo soltanto ribadito il no al Deposito Unico dei rifiuti radioattivi, ne abbiamo anche costruito le premesse”. Cosi’ l’assessore all’Ambiente ed energia della Regione Basilicata, Francesco Pietrantuono, sul dibattito che si e’ aperto nei giorni scorsi sull’ipotesi che nella lista dei potenziali siti idonei ad accogliere le scorie nucleari rientri pure la Basilicata dichiarando.
“Non solo il grande no corale di Scanzano, ma anche le osservazioni alla Valutazione ambientale strategica (Vas) al Programma nazionale per la gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi. Abbiamo lavorato l’intero mese di agosto dello scorso anno, con ripetuti incontri, con l’Anci, i sindaci lucani, tutti gli Ordini professionali, le associazioni e le proloco, a motivare nel merito le correzioni da fare al Programma che portavano con se un motivato no al Deposito Unico”.
“Abbiamo sostenuto, nelle osservazioni – sottolinea l’assessore – che la Vas sul Programma nazionale si portava dietro anche la guida tecnica numero 29 dell’Ispra, che prevedeva i criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attivita’.
Abbiamo asserito, inoltre, che gia’ in base ad alcuni dei criteri escludenti previsti, la Basilicata non puo’ ospitare un deposito nazionale. Abbiamo fatto notare, sempre nelle osservazioni alla Vas, che altri criteri considerati nella guida tecnica come di approfondimento vanno considerati come di esclusione. La scelta del deposito nazionale deve escludere la Regione Basilicata per via dell’alto livello di pressione alla quale e’ gia’ sottoposta”. “Pertanto – Pietrantuono – conclude sia sul piano tecnico che politico, confermo il no, senza alcun tentennamento da parte del governo regionale, al deposito unico di scorie nucleari in Basilicata”.

26 Marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»