‘March for our lives’, anche i veterani dell’esercito USA chiedono la messa al bando delle armi d’assalto

ROMA – Decine di migliaia di persone sono scese in piazza oggi, a Washington e in tutta America, per la #marchforourlives, la manifestazione organizzata dopo il massacro della scuola di Parkland, Florida, dove hanno perso la vita 17 persone. La manifestazione vuole chiedere a Donald Trump delle restrizioni alla vendita delle armi e delle leggi per garantire la sicurezza nelle scuole, dopo i numerosi episodi di violenza degli ultimi anni.  

A chiedere la messa al bando della vendita delle armi d’assalto sono anche numerosi veterani dell’esercito degli Stati Uniti che, in questo video, lanciano un chiaro messaggio al presidente Donald Trump: “Ho visto di persona la potenza di queste armi”, dicono i veterani, “perchè chi non fa parte dell’esercito o delle forze dell’ordine dovrebbe avere armi del genere?”.

Parkland, San Bernardino, Las Vegas, Sutherland Springs, Aurora e Sandy Hook sono solo alcuni dei massacri compiuti con fucili d’assalto e ricordati dai veterani. Questi fucili “sono costruiti con un solo scopo”, aggiungono “e non è una cosa che voglio nel mio paese”.

24 Marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»