Dal chirurgo per avere faccia da selfie: i ritocchi più richiesti sono a zigomi, bocca e naso

ROMA – Decollete esplosivo e glutei rotondi per le donne. Palpebre tirate e sopracciglia sollevate per gli uomini. La nuova tendenza dei ritocchini in Gran Bretagna segna una differenza di genere: come emerge dagli ultimi dati pubblicati dalla British association of aesthetic plastic surgeon (Baaps), nel 2017 le scelte femminili si sono focalizzate principalmente sul corpo, in particolare sul seno, evitando in larga parte le terapie facciali; viceversa il sesso maschile ha abbandonato liposuzione e addominoplastica per chirurgia delle palpebre e sopracciglia e ringiovanimento del viso. E la causa con molta probabilità risiede nella selfie-mania: l’avvento dei filtri sui social consentirebbe alle donne di migliorare il proprio viso per via digitale mentre con gli uomini verrebbe mostrata più indulgenza per morbidezze e rotondità.

Ma la scelta del ritocchino in funzione dei social trova corrispondenza anche in Italia?

“In questi ultimi anni sono esplose le richieste di trattamenti e interventi soprattutto da parte dei giovani e sempre più spesso i desideri rispecchiano nuove esigenze condizionate dai social- spiega Giulio Basoccu, responsabile della Divisione di Chirurgia plastica estetica e ricostruttiva presso Ini l’Istituto Neurotraumatologico Italiano- Nel nostro Paese non c’è infatti una distinzione così marcata tra donne e uomini nelle scelte di medicina e chirurgia estetica, ma si osserva un’attenzione esasperata al viso, bocca, zigomi, naso, da parte di ragazzi anche ventenni. Le loro richieste sono senza dubbio influenzate dal web. Basta vedere le foto delle ragazze sui social, la maggioranza cerca di fare sembrare le labbra più carnose”.

La ‘faccia da selfie’ arriva quindi sul lettino del chirurgo insieme a un boom di richieste per catturare più like. E’ così i millennials, ispirati dai propri influencer, cedono al ritocchino. “La comunicazione oggi passa attraverso una foto e l’esigenza di esporsi continuamente porta a volersi mostrare sempre in forma- spiega l’esperto- Tant’è che è aumentata di più la chirurgia della modifica che non quella dell’invecchiamento, non si interviene su palpebre o seno cadente ma piuttosto si chiede un nuovo naso o una nuova bocca”. E ad avere un ruolo sono anche gli influencer del web: “Le richieste seguono spesso personaggi del momento. Per esempio, in Italia glutei enormi e rotondi non si vedono né sulle riviste né in televisione ma solo sui social. Se improvvisamente le donne iniziano a chiedere questo intervento è facile capire dove nasce la scelta”.

L’età di chi si rivolge a chirurgia e medicina estetica si abbassa, le richieste dei giovani aumentano e il chirurgo si deve confrontare con i nuovi pazienti: “I pazienti molto giovani sono meno esigenti di quelli adulti perché sono più insicuri – spiega Basoccu – Sono meno preparati e meno consapevoli di quello che stanno facendo quindi sono anche più spaesati. Per questo si affidano di più al medico, chiedono informazioni e consigli, e il nostro lavoro è quello di guidarli verso la scelta migliore”.

23 Marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»