Ue, Calenda: “E’ come il dopoguerra, bene unità del Pd ma andare oltre”

Calenda osserva che "non basta l’unità del Pd, bisogna andare ben oltre il Pd"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dobbiamo capire che le prossime elezioni europee sono come le elezioni del dopoguerra, cioè decidiamo se stare insieme a i grandi paesi fondatori dell’Europa, o stare con l’Ungheria o la Russia come vuole Salvini, o finire con il Venezuela dove ci portano i 5 Stelle. Noi dobbiamo rimanere saldamente in Europa, con una lista unica delle forze europeiste, con una proposta per rinnovare l’Europa”. Lo dice
Carlo Calenda al giornale Radio Rai GR1.

Calenda osserva che “non basta l’unità del Pd, bisogna andare ben oltre il Pd. E questo vuol dire appunto una larga mobilitazione, però già il fatto che il Pd si ritrova intorno a un documento è una cosa molto importante”.

LEGGI ANCHE: Ecco il manifesto di Calenda per rifondare l’Unione Europea

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»