Renzi apre la campagna per il referendum: "Anche Berlinguer parlava di monocameralismo" - DIRE.it

Politica

Renzi apre la campagna per il referendum: “Anche Berlinguer parlava di monocameralismo”

Matteo_Renzi

“La sinistra e’ stata sempre per superare il bicameralismo. Enrico Berlinguer parlava direttamente di monocameralismo“. Cosi’ Matteo Renzi, ha aperto la campagna per il sì al Referendum sulle riforme costituzionali questa mattina a Bergamo. Il premier prosegue paragonando la politica italiana al “wrestling. Si davano delle botte pazzesche e poi rimanevano sempre loro. Perche’ era una grande finta. Nel mondo della politica c’erano sempre le stesse facce. Che si scambiavano le poltrone ma rimanevano sempre loro”. Meno politici, quindi, ma più politica: “Io adoro la politica- aggiunge Renzi-. Ma ci son troppi politici in Italia e questa riforma riduce non il livello della politica, ma il numero dei politici”.

“IL POTERE NELLE MANI DEGLI INCIUCISTI” –  “Se la riforma non passa il potere va nelle mani degli inciucisti”, aggiunge Renzi. “Il Paese andrebbe nell’ingovernabilità. Accadrà il paradiso terrestre degli inciuci. Ci sara’ un sistema per cui nessuno avrà la maggioranza”, sottolinea il premier che ricorda i “Sessantatre governi in 70 anni. Un governo durava meno di un gatto in autostrada“.

REGIONI FACCIANO L’ABC, MAI PIU’ RIMBORSI – Il presidente del consiglio prosegue poi con un appello alle Regioni, affinchè “si mettano in moto per spendere i fondi europei. Perche’ il piu’ grande scandalo dell’Italia e’ stato di aver buttato via miliardi di fondi europei. Le regioni devono fare l’Abc, quello che e’ fondamentale. Pragmatismo, efficienza, sobrieta’”, aggiunge il premier. Con le riforme, poi, “non sara’ possibile avere i rimborsi ai consiglieri regionali. Vi ricordate la storia delle mutande verdi? ‘Mi ricordo mutande verdi’, famoso successo… Quelle mutande verdi- aggiunge Renzi- erano state pagate con i soldi dei rimborsi. Vi sembra normale che i soldi dei contribuenti siano usati per pagare i rimborsi? Mai piu’ rimborsi“.

NON VOGLIO PERSONALIZZARE, MA SE PERDO LASCIO – “Se l’Italia vuole questo sistema e’ giusto che io vada a casa. Io non sono adatto a stare dentro un parlamento in cui si continua a vivacchiare. Ne prendano un altro piu’ bravo di me”. Aggiunge Renzi, che puntualizza: “Questa riforma ci deve vedere con un grande movimento di popolo. Io non voglio minimamente personalizzare”. Infine Renzi, prima di lanciare la canzone di Patti Smith, ‘People have the power’, scelta come colonna sonora per la campagna referendaria, avvisa gli oppositori: “A quelli che pensano che noi molleremo, dico: ‘rassegnatevi, siete circondati’ da centinaia di migliaia di persone che pensano che basta un si’ per cambiare l’Italia”.

21 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»