Tap, il ministro Costa: “Procedura chiusa. Si può riaprire solo se…”

ROMA – “Dal punto di vista giuridico-amministrativo il procedimento” della Tap “sarebbe chiuso, ma se ci fossero insorgenze nuove che non possiamo immaginare siamo pronti a valutarle“. Lo dice il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, a margine di un evento di Snpa e Club di Roma. “Vedremo se sono nuove- spiega il ministro- e se effettivamente possono cambiare lo scenario. Su una procedura incardinata, per poterla riaprire, devono esserci delle novità particolarmente evidenti tali da dimostrare che la procedura precedente non era corretta, illegittima se non addirittura illegale”.

“La nostra è verifica tecnica non politica”

“Questa verifica- prosegue Costa- ha una valenza esclusivamente tecnica, giuridica e amministrativa, non ci può essere nulla di politico su una procedura chiusa. Detto questo, farò un appunto in maniera trasparente alla Presidenza del Consiglio come è giusto che sia- conclude Costa- perché è una vicenda che non riguarda solo il ministero dell’Ambiente”.

Leggi anche:

19 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»