Veneto

Porto, Costa presenta il nuovo progetto offshore:”Meno emissioni”

VENEZIA – Nel campo del trasporto marittimo la vera differenza in termini di emissioni la fa “la scelta del porto giusto in termini di posizione geografica e capacità operativa”. Lo ha affermato il presidente dell’Autorità portuale di Venezia Paolo Costa presentando il progetto Voops (Venice offshore-onshore port system) al summit annuale dell’International Transport Forum dell’Oecd.

“Questo concetto è particolarmente valido per le catene logistiche tra Europa e Far East, nelle quali la tratta marittima conta per il 68% delle emissioni di Co2” ha evidenziato Costa, spiegando che “la scelta di un porto capace di accogliere le mega navi e vicino al mercati di destinazione è la chiave per realizzare catene sostenibili che minimizzino le esternalità garantendo le connessioni più brevi e quindi più verdi”. Non a caso, il progetto veneziano servirà proprio a “minimizzare le distanze e le emissioni tra il mare e il nuovo centro della manifattura europea sempre più spostato verso est” ha concluso Costa.

19 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»