Scontri a Bologna, la Polizia sgombera gli antifascisti e libera piazza per Forza Nuova - DIRE.it

Emilia Romagna

Scontri a Bologna, la Polizia sgombera gli antifascisti e libera piazza per Forza Nuova

BOLOGNA – Scontri a Bologna in piazza Galvani tra la Polizia e gli antifascisti che avevano occupato la piazza per impedire il comizio di Forza Nuova di stasera.

La Polizia si è schierata e ha cominciato ad avanzare per sgomberare la zona e sono partite prima le spinte, poi uno scambio di manganellate da un lato e colpi sferrati con le aste dei cartelli dall’altro.

I manifestanti sono stati spinti su via Farini e lì, mentre indietreggiavano, la Polizia ha di nuovo cominciato a manganellare. Si è vista volare almeno una bottiglia di vetro.

Diversi manifestanti risultano contusi, e anche una giornalista del ‘Corriere di Bologna’ è stata colpita da una manganellata sulla mano con cui teneva lo smartphone per riprendere la scena. Ora Polizia e manifestanti si fronteggiano ancora in via Farini.

QUATTRO ANTIFASCISTI FERITI E BUS BLOCCATI

Sono diversi i manifestanti dei collettivi rimasti contusi durante gli scontri . Vari tra loro lamentano contusioni alle mani e al capo. Quattro mostrano ferite visibili in testa e uno di loro riferisce di avere un dito rotto.

Mano indolenzita e telefono rotto per la giornalista colpita da una manganellata.

Nel frattempo, i collettivi, scesi in piazza per protestare contro il previsto comizio di Forza di stasera, sono indietreggiati di alcuni metri lungo via Farini in direzione Santo Stefano.

Già bloccati nel traffico numerosi autobus. “Staremo qui tutto il giorno“, urla un portavoce dei manifestanti antifascisti al megafono.

16 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»