Strage 2 agosto 1980, l’appello: “Cerchiamo i soccorritori di quel giorno”

L'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna lancia il progetto 'Mani che soccorrono' per trovare chi quel 2 agosto di 39 anni fa si trovò a soccorrere i feriti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Alla ricerca dei soccorritori di allora per l’anniversario numero 39 della strage alla stazione di Bologna. In vista del prossimo 2 agosto, l’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna è a caccia di testimonianze dirette di coloro che in quella caldissima giornata del 1980 intervennero per prestare aiuto alle persone rimaste coinvolte dall’esplosione in stazione.

LEGGI ANCHE: Dopo 37 anni “Bologna non dimentica” la strage. Il bus 37 di fianco al palco/FOTO

 

Dove eri il 2 agosto 1980? Come ricordi i momenti immediatamente successivi all’attentato alla stazione di Bologna? Che contributo hai dato per soccorrere le vittime dello scoppio della bomba?”, si legge nell’appello diffuso da viale Aldo Moro.

“Partendo da un’idea di Davide Barbieri, cittadino bolognese sensibile all’impegno civile e all’esercizio della memoria, l’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna lancia il progetto ‘Mani che soccorrono‘, che, nato sulla scia di ‘2 agosto: Sinfonia di soccorsi’ sviluppato e portato a termine nel 2018, vuole raccogliere le testimonianze di chi quel 2 agosto di 39 anni fa si trovò a soccorrere le persone coinvolte dall’esplosione”.

LEGGI ANCHE: Strage Bologna, la storia delle 85 vittime rivive nella voce dei narratori sparsi per la città/VD

Chi vuole condividere i propri ricordi può farlo da oggi fino al 28 luglio inviando una mail all’indirizzo [email protected] o scrivendo sulla pagina Facebook “2 agosto 1980, noi c’eravamo”. Le storie, informa ancora la Regione, verranno pubblicate a cura di Cinzia Venturoli sul sito www.mappedimemoria.it nei giorni del 39esimo anniversario dell’attentato, il prossimo mese di agosto.

Il 2 agosto 1980 in tanti si prodigarono per soccorrere, accogliere, accudire chi era rimasto coinvolto nella strage della stazione in un enorme impegno di cittadinanza attiva ed empatia”, spiega Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa regionale. “Lavoratori, viaggiatori, cittadini, Forze dell’ordine e professionisti del soccorso si ritrovarono a dare una mano sul posto, a fare del loro meglio in una situazione drammatica”. Saliera ricorda come “in questi anni come Assemblea legislativa abbiamo lavorato per promuovere la conservazione e la diffusione della memoria e iniziative come ‘Mani che soccorrono’ si inseriscono a pieno in questa volontà di mantenere vivo il ricordo dell’orrore dell’attentato del 2 agosto 1980 e la richiesta di verità e giustizia”.

LEGGI ANCHE: Strage Bologna, giudice ordina nuova perizia sulla bomba del 2 agosto 1980

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»