Campania

Giornata del paesaggio: porte aperte al Parco archeologico dei Campi Flegrei

NAPOLI – Cancelli aperti dell’anfiteatro Cumano e tour alle Terme romane di Baia per una passeggiata archeologica e naturalistica alla scoperta delle specie della Macchia Mediterranea e delle antiche terme. Oggi, in occasione della Giornata nazionale del Paesaggio, il PaFleg, in collaborazione con le associazioni Legambiente Citta’ Flegrea e il gruppo archeologico Kyme, ha guidato scolaresche e visitatori nei suggestivi appuntamenti incentrati sulla cultura del paesaggio e sui temi della conoscenza e della salvaguardia del territorio.

All’anfiteatro di Cuma – uno dei piu’ antichi della Campania, realizzato in eta’ repubblicana tra il II e il I secolo a.C – i bambini della scuola Plinio Il Vecchio – Gramsci di Bacoli hanno partecipato ad educational organizzati dal gruppo archeologico Kyme all’interno del sito. I piccoli studenti si sono divertiti ad essere loro stessi poi dei cicerone. Domande, giochi e curiosita’ per conoscere un sito tanto affascinante e ancora da scoprire. Alle Terme romane di Baia – vasto complesso termale e di ville patrizie costruite dai romani in tarda eta’ repubblicana, disposte su vari livelli lungo il pendio collinare – gli educatori ambientali del circolo di Legambiente Citta’ Flegrea hanno guidato i partecipanti alla scoperta dei luoghi di benessere e relax degli antichi e della vegetazione florida che cresce nell’area archeologica elencando le proprieta’ officinali e fisioteraupetiche. La collaborazione con le realta’ associative e’ una prerogativa del Parco Archeologico dei Campi Flegrei, sicuro dell’efficacia di una rete sinergica per la promozione e lo sviluppo del territorio. Agli eventi del 14 marzo, ricadenti nell’ambito della Giornata nazionale del Paesaggio, seguiranno altri nei prossimi mesi, anche con aperture speciali dei siti minori.

14 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»