Libia, Conte: “Messaggio di speranza, pacificazione è possibile”

Dalla conferenza internazionale sulla Libia viene "un segnale incoraggiante, un invito a perseguire con convinzione il cammino intrapreso e un forte messaggio di speranza".

Condividi l’articolo:

ROMA – Dalla conferenza internazionale sulla Libia viene “un segnale incoraggiante, un invito a perseguire con convinzione il cammino intrapreso e un forte messaggio di speranza”. Lo dice il premier Giuseppe Conte alla conferenza stampa di Palermo sulla Libia.

“Portiamo con noi il sentimento di fiducia per una prospettiva di stabilizzazione della Libia”, continua.

“Non vogliamo illuderci ma sono state poste premesse importanti, non avevamo pensato a questo incontro come una vetrina internazionale, per una photo opportunity, ma per offrire come paese un contributo nella prospettiva di assicurare la stabilità a 6 milioni di cittadini libici che vogliono votare, vogliono istituzioni stabili e non vedono l’ora di avere una Libia unita”, aggiunge Conte.

“Con questa due giorni- afferma il premier- abbiamo reso un servizio all’Europa e direi che l’attenzione prestata da altri partner europei e’ molto importante”.

LEGGI ANCHE:

Libia, l’attivista Salem: “Niente pace se finanziate le milizie”

Libia, la protesta turca: “Delusi da Palermo, un errore escluderci”

Libia, Salamè: “Conferenza di Palermo un successo”

“EMERSA ANALISI LARGAMENTE CONDIVISA TRA LIBICI”

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte non si sbilancia nel dire se la conferenza di Palermo e’ stata un successo o meno.

“Io faccio il presidente del consiglio, non l’analista. Lascio a voi valutare se sia stata un successo o meno. Dal mio punto di vista dico che ha fatto emergere un’analisi largamente condivisa tra i libici delle sfide a cui devono fare fronte, analisi che abbiamo condiviso”, aggiunge il premier.

Conte sottolinea che il summit “ha registrato un’ampia condivisione da parte della comunita’ internazionale”. Si tratta di un dato “molto importante non perche’ la comunita’ internazionale si debba esprimere o debba produrre ingerenze, ma perche’ il sostegno della comunita’ internazionale puo’ favorire questo processo di stabilizzazione che deve essere rimesso ai libici, agli attori libici. E’ una prerogativa vostra”, dice Conte e aggiunge: “Noi siamo qui, disponibili ad aiutarvi”.

Il premier ha concluso sottolineando che se la domanda e’ “se oggi a Palermo si sia trovata una soluzione a tutti i problemi della Libia, allora- risponde lui stesso- la conferenza e’ stata un insuccesso”.

“CI ASPETTIAMO MIGLIORAMENTI DA STABILIZZAZIONE LIBIA”

“Noi ci aspettiamo che dalla stabilizzazione della Libia possa derivare un miglioramento delle condizioni di vita, delle condizioni economiche e sociali di tutti i libici e di tutti i cittadini sul territorio della Libia”. Lo dice il premier Giuseppe Conte, in conferenza stampa al termine del summit di Palermo.

Conte precisa che “la sensibilita’ dell’Italia non e’ semplicemente riassumibile nel problema dell’immigrazione. Ci aspettiamo che dalla stabilizzazione possa derivare una piu’ facile regolarizzazione e gestione dei flussi migratori un piu’ efficace contrasto alla minaccia terroristica”.

Leggi anche:

13 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»