A Bologna maxi poster per ‘evitare’ medici obiettori

"Quando scegli il ginecologo e il medico di base non affidarti al caso". A Bologna l'Unione degli atei e degli agnostici razionalisti mette in guardia le donne
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Testa o croce? Quando scegli il ginecologo e il medico di base non affidarti al caso“. È lo slogan scelto per la nuova campagna di sensibilizzazione dello Uaar, l’Unione degli atei e degli agnostici razionalisti di Bologna, Caselecchio e Imola. Uaar ha scelto di affiggere una serie di maxi manifesti e poster per le strade delle città con l’intento di invitare i cittadini a chiedere, nel momento in cui devono scegliere un dottore, se pratichi l’obiezione di coscienza.

LEGGI ANCHE: Aborti in calo in Emilia-Romagna, obiettori oltre il 50% di medici

Anche se per l’associazione “gli ospedali sono purtroppo pieni di ginecologi obiettori, che limitano i diritti delle donne di ricorrere all’aborto” non si tratta solo di questo. Andrea Ruggeri, coordinatore Uaar di Bologna, spiega che a seguito di un’attenta analisi, il problema c’è anche per “quei medici che una volta fatta l’ecografia scelgono di non dire ai genitori se ci sono delle malformazioni o di chi non comunica l’esito positivo agli esami del sangue per le malattie sessualmente trasmissibili”. Quindi, in casi come questo avere un ginecologo o un medico di base di fiducia “è fondamentale”.

Uaar quindi, invita i cittadini a chiedere direttamente al dottore se è un obiettore di coscienza, così da non essere colti di sorpresa in caso di emergenza. In questo modo “anche i dottori potrebbero rendersi conto del problema”, conclude Ruggeri.

di Sara Forni

LEGGI ANCHE: La storia di Valentina e di “obiettori che non sono medici”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

8 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»