Governo, per Conte e Salvini faccia a faccia in Toscana. Il ministro: “Governo va avanti”

Dopo le tensioni di sabato e la gaffe sulle adozioni, ieri il premier e il ministro dell'Interno hanno passato "un bel pomeriggio di lavoro" nelle campagne fiorentine. Pace fatta?
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Faccia a faccia in Toscana tra il premier Giuseppe Conte e il vicepremier Matteo Salvini dopo le tensioni di sabato quando Palazzo Chigi sul dossier ‘adozioni’ aveva invitato i ministri leghisti a studiare di più. A rivelare l’incontro lo stesso ministro dell’interno con una foto su twitter.

Pomeriggio di lavoro e relax in Toscana, parlando di futuro. Buona domenica Amici!”, scrive Salvini.

L’incontro di oggi tra il presidente Conte e Salvini si è tenuto a Villa Le piazzole a Firenze.

CONTE: CON SALVINI STESSA RAGIONE SOCIALE: LAVORO PER ITALIA

“Bel pomeriggio insieme nella campagna fiorentina. Bene le parole e le discussioni, rispettando ognuno le idee dell’altro, ma non perdiamo mai di vista la “ragione sociale” per cui siamo al governo: lavoriamo con la massima concentrazione per gli interessi degli italiani”. Cosi’ il premier Giuseppe Conte commenta l’incontro in Toscana con Matteo Salvini.

SALVINI: RISCHIO CRISI? TUTTE CAZZATE, VA AVANTI

“No, sono cazzate che leggo dal primo giorno che abbiamo giurato come ministri che saremmo incapaci, litigiosi, razzisti, fascisti. Dopo nove mesi penso che gli italiani hanno toccato con mano che tante cose le abbiamo preparate e le abbiamo fatte, e il governo va avanti”. Lo afferma a LadyRadio il vicepresidente del Consiglio e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a proposito delle indiscrezioni sui rischi di tenuta dell’esecutivo.

E questo, aggiunge, “al di là delle chiacchiere con Conte nelle campagne fiorentine con un bicchiere rosso- sottolinea-. Non c’è bisogno di un bicchiere di rosso per andare avanti“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»