Il granchio reale blu prolifera indisturbato nella laguna di Venezia

Granchio reale blu venezia
Il Callinectes Sapidus è una specie originaria dell'Atlantico occidentale ed è invasiva: si ciba di pesci e molluschi senza temere predatori nell'Adriatico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – I cambiamenti climatici fanno danni in laguna di Venezia, dove il riscaldamento delle acque ha fatto diventare di casa il granchio reale blu originario dei fondali dell’Atlantico occidentale. Il nome scientifico della specie è Callinectes Sapidus, ed il problema è che è una specie invasiva, presente da alcuni anni in Adriatico, dove non ha predatori che lo contrastano. Il granchio reale prolifera quindi indisturbato in laguna, cibandosi di gamberi, latterini, seppie, spigole e orate, e creando danni rilevanti anche alle reti dei pescatori e ai letti di alghe che servono da vivai per i pesci locali.

Granchio reale blu venezia2

“Il riscaldamento globale sta creando le condizioni per la presenza di specie esotiche in luoghi nei quali le temperature ancora alcuni anni fa non le erano favorevoli. Fenomeni preoccupanti per gli operatori del settore, in particolare per i pochi che si occupano ancora delle moeche, i teneri granchi che due volte all’anno hanno il cambio della muta” e che ora rischiano l’estinzione, segnala Coldiretti Veneto.

LEGGI ANCHE: Il Comune di Venezia stanzia 4,5 milioni di euro per ‘scontare’ la Tari

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»