Coronavirus, in Abruzzo diminuiscono le restrizioni: ok sport amatoriali e visite a seconde case nella Regione

Dall'1 maggio, ok anche per i fiorai, toelettatura animali e riaperture dei cimiteri
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PESCARA – Dalla toelettatura dei propri amici a quattro zampe, fino alla riapertura dei cimiteri che sara’ a discrezionalita’ dei sindaci, passando per i fiorai che potranno essere aperti i giorni 3 e 10 maggio (in occasione della Festa della mamma). Il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, firma l’ordinanza e accoglie le richieste dell’assessore regionale Emanuele Imprudente con cui si decidono una serie di riaperture e nuove possibilita’ di spostamento. Dall’1 maggio i toelettatori, seppur con il mantenimento delle distanze, potranno riprendere il lavoro. Ma e’ soprattutto per gli sportivi amatoriali che arrivano buone notizie. Sempre da domani sara’ possibile uscire in bicicletta, anche per allenarsi, dalle 6 alle 20, purche’ lo si faccia da soli. Stessa cosa per chi vuole fare passeggiate a cavallo o per i proprietari di cavalli, che potranno recarsi nei maneggi sempre nel rispetto del distanziamento sociale. Consentita anche la pesca sportiva amatoriale in laghi, fiumi e mare con pero’ l’obbligo, in caso di uso di imbarcazione, di non essere in piu’ di due e con almeno una delle due persone abilitate alla navigazione. Consentito anche il taglio della legna per uso domestico e la manutenzione dei boschi con due persone per nucleo familiare, cui e’ concesso muoversi insieme, ma solo una volta al giorno. L’asporto sara’ consentito anche nei giorni festivi e ci si potra’ muovere in due in auto (guidatore e passeggero sul sedile posteriore) o in moto, purche’ le persone in auto risiedano insieme. Infine le seconde case: sara’ possibile raggiungerle all’interno del territorio regionale, ma solo per attivita’ di manutenzione con l’obbligo di rientrare a casa la sera. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»