Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

G20, a Roma gli studenti in piazza: “Abbiamo bisogno di un futuro”

g20_manifestazione_giovani_roma
Gli studenti dei licei gridano la loro rabbia verso la gestione della scuola e della formazione, e vogliono che vengano rimessi al centro dell'agenda dei grandi del mondo i temi del lavoro, dell'ambiente e della salute
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Voi G20. Noi il futuro“. Alla vigilia del G20 gli studenti dei licei romani hanno sfilato da Circo Massimo fin sotto al ministero dell’Istruzione per gridare la loro rabbia verso la gestione della scuola e della formazione, ma anche per rimettere al centro dell’agenda dei grandi del mondo i temi del lavoro, dell’ambiente e della salute.

“Oggi siamo qui perché per noi questa rappresenta una occasione unica visto che il G20 si tiene a Roma- dice Giulia, rappresentante del liceo Augusto- Gli studenti romani hanno l’occasione di far arrivare questo messaggio ai potenti della Terra che domani si riuniranno a Roma. Abbiamo bisogno di un futuro, abbiamo bisogno di certezze per il nostro futuro, certezze che sono state intaccate dalla Dad in questo periodo. Un domani quando non ci saranno più risorse e investimenti sulla scuola noi non avremo un futuro, una vita e un domani”.

Siamo il futuro, gridano, ma senza un futuro conquistiamo il presente. “Ai grandi della Terra chiediamo 4 cose principali: sanità pubblica e gratuita, un impegno serio sulla questione ambientale, il risanamento dell’edilizia scolastica e che il precariato dei docenti venga risolto e infine sul versante del lavoro meno sussidi, salari più alti e migliori condizioni“, spiega Enrico del liceo Plinio Seniore.

I giovani chiedono di poter essere ascoltati, di far parte dei processi decisionali: “È imbarazzante – spiega Gabriele del liceo Plinio Seniore- che in una riunione che coinvolge 20 capi di Stato non siamo minimamente inclusi. La classe dirigente negli ultimi 50 anni è invecchiata vistosamente e non ci dobbiamo sorprendere se i sessanta, settantenni non riescono a interpretare i nostri bisogni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»