hamburger menu

Salvini in Calabria: “La priorità è aiutare famiglie e imprese a pagare le bollette di luce e gas”

"Ho letto della disponibilità di Carlo Calenda ma vorrei sapere anche cosa ne pensano Enrico Letta, Giuseppe Conte, Luigi Di Maio"

Pubblicato:29-08-2022 12:52
Ultimo aggiornamento:29-08-2022 12:52
Canale: Calabria
Autore:
salvini reggio calabria-min
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

REGGIO CALABRIA – La priorità per la Lega è aiutare le famiglie e le imprese a pagare le bollette della luce e del gas, tutto il resto sono chiacchiere. Vorrei sapere dagli altri capi di partito cosa ne pensano della proposta della Lega, copiata dalla Francia dove dall’inizio dell’anno stanno aiutando famiglie ed imprese e l’aumento massimo è del 4%. In Italia ci sono state bollette raddoppiate e triplicate”. Così il segretario nazionale della Lega Matteo Salvini oggi a Reggio Calabria per un tour elettorale in vista delle elezioni politiche. “Mi chiedo – ha aggiunto – se c’è la disponibilità di tutti i partiti almeno sugli aiuti alle famiglie, ai negozi, alle fabbriche, ai sindaci per trovare 30 miliardi di euro, cifra quantificata dalle imprese per mettere un tetto massimo agli aumenti delle bollette. La Lega dice sì”.

“IL RINCARO BOLLETTE È UNA GUERRA DA COMBATTERE SUBITO”

In riferimento al rincaro delle bollette energetiche il leader della Lega aggiunge: “Ho letto della disponibilità di Carlo Calenda ma vorrei sapere anche cosa ne pensano Enrico Letta, Giuseppe Conte, Luigi Di Maio. Noi siamo disponibili. Tutta la politica deve dare prova di responsabilità e concordare un piano d’azione comune. Qualcuno dice facciamolo senza scostamento di bilancio e fondi aggiuntivi, ma i soldi non crescono sugli alberi”. Poi aggiunge: “Durante la pandemia abbiamo trovato 165 miliardi di euro per aiutare le famiglie e le imprese. Ora questa è un’altra pandemia che non si combatte in ospedale, ma nelle fabbriche, quindi – ha concluso – occorre trovare 30 miliardi di euro, perché dobbiamo combattere un’altra guerra, quella delle bollette, e va combattuta subito”. 

“CI SONO AZIENDE CHE NON RIAPRIRANNO A SETTEMBRE”

“La Lega è disponibile da oggi a dare l’ok al governo per stanziare 30 miliardi di euro e bloccare gli aumenti delle bollette. Chi dice che occorre riparlarne ad ottobre, vive su un altro pianeta. Qui ci sono aziende che non riapriranno a settembre. Quindi il mio invito è copiare il modello francese, fissando un tetto massimo all’aumento delle bollette che non sono né di destra né di sinistra”. È quanto ha ribadito Salvini, oggi a Reggio Calabria insieme agli altri candidati del Carroccio alle elezioni politiche.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-29T12:52:51+01:00