Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Basket, campionato in presenza? Pavani bussa a casa degli abbonati Fortitudo

Pavani Christian fortitudo
Il presidente della squadra bolognese ha inviato ai tifosi una lettera con tre opzioni sulla quota versata l'estate scorsa e mai sfruttata: la prima è quella di lasciarla a disposizione della società in cambio della prelazione sul posto e di una maglia da gioco
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Con una stagione a dir poco travagliata ormai agli sgoccioli, la dirigenza della Fortitudo Bologna guarda già al prossimo campionato. E va a bussare in casa ai propri abbonati per sapere se hanno intenzione o meno di chiedere il rimborso della quota già pagata l’anno scorso e non sfruttata, dal momento che le partite si sono giocate a porte chiuse. Nella speranza di poter tornare col pubblico in presenza, la proposta è lasciare il denaro in cassa alla società in cambio del diritto di prelazione sui posti a palazzo per la prossima stagione.

Insomma, se fino a due settimane fa metteva in dubbio persino la permanenza dell’attuale management della società, ora il presidente Christian Pavani prova ad affidarsi all’ottimismo per guardare avanti. Ad oggi, però, non ci sono certezze sul ritorno dello sport a porte aperte in autunno (sul piatto c’è ancora l’ipotesi del passaporto vaccinale, ad esempio). E al PalaDozza nei giorni scorsi sono partiti anche i lavori per la realizzazione del nuovo Museo del basket italiano, che dureranno circa un anno. “Stiamo vivendo un’altra stagione che definire particolare e del tutto anomala è semplicemente riduttivo- scrive Pavani, in una lettera inviata nei giorni scorsi agli abbonati– la speranza che avevamo di poterci gradualmente ritrovare insieme sugli spalti a rifare per la nostra Effe non si è purtroppo potuta concretizzare nei fatti e puoi immaginare quanto sia stato e sia triste e penalizzante per noi”. La lotta al Covid, sostiene però il presidente Fortitudo, “pur non essendo ancora giunta al termine, ci autorizza ora a sperare concretamente che la campagna di vaccinazione in atto possa riuscire a farci intravedere il tanto atteso e auspicato traguardo”. Pavani assicura che “la nostra forza vuole essere quella di non fermarci e di continuare a lavorare senza sosta anche e soprattutto in attesa di riprendere la nostra normale quotidianità e le fondamentali relazioni con chi ci ha ancora manifestato una fiducia mai banale e mai scontata, che cercheremo sempre di ripagare nel miglior modo possibile”.

lettera pavani fortitudo abbonamenti

Gli abbonati hanno quindi tre opzioni: la prima è appunto lasciare la quota dell’estate scorsa “a disposizione di Fortitudo Pallacanestro”, ottenendo in cambio la “prelazione sul posto occupato nella stagione 2019-2020” e in omaggio la maglia da gioco della prossima stagione. Una soluzione, scrive sempre Pavani nella lettera, che qualche tifoso ha già comunicato di voler accettare. In alternativa, l’abbonato non chiede il rimborso ma può avere uno sconto sulla nuova tessera. In cambio, può “esercitare la prelazione sul posto occupato nella stagione 2019-2020 ma non su quella attualmente in corso“. La terza strada invece è chiedere indietro la quota già pagata, perdendo però la prelazione sulla campagna abbonamenti per la prossima stagione.

LEGGI ANCHE: Domenica a Bologna gite, grigliate e basket: 105 multe dai Carabinieri

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»