Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giannone: “Sì al fondo per le donne vittime di violenza”

veronica giannone
Dovrebbe ammontare a non meno di tre milioni di euro, il Governo si è impegnato ad approvarlo nel primo provvedimento utile
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ieri in Aula è stato accettato il mio ordine del giorno e il Governo si è impegnato ad approvare, nel primo provvedimento utile, un fondo di non meno di 3 milioni di euro per il biennio 2021-2022 destinato all’assistenza legale gratuita alle donne vittime di violenza e maltrattamenti.” La deputata del gruppo misto Veronica Giannone, ha commentato così in un post su facebook, le sorti del fondo per l’assistenza legale gratuita, che la deputata stessa aveva proposto in un emendamento alla legge di bilancio, purtroppo accantonato. “Entro sei mesi dall’istituzione del fondo ci sarà il decreto attuativo che ne disciplinerà i criteri e le modalita’, continua Giannone, un ottimo risultato, diciamolo, per le donne! Per tutte le donne che non hanno disponibilità economiche per sostenere le spese legali e che per questo motivo non possono denunciare abusi e violenza domestica. Ringrazio anche le mie colleghe e i miei colleghi, conclude, che indipendente dal colore politico hanno sottoscritto questo impegno. Ho combattuto duramente per ottenere il Fondo nonostante ci fossero pochissime speranze.” 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»