Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Umbria, Lezzi: “Convocare assemblea M5s. O è ancora colpa dei malpancisti?”

"In Umbria siamo sfuggiti alla responsabilità politica. Questo è un dato di fatto di cui tutti dovremmo farci carico", dice la senatrice 5 stelle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non posso, con rammarico, rivendicare la proposta di convocare un’assemblea del Movimento 5 Stelle. Tutto il Movimento e non solo degli eletti. Ma i colleghi che lo hanno fatto, o intendono farlo, sarebbero coloro che, sempre attaccati alla poltrona (sicuri che regga l’accusa?) non riconoscerebbero il buono di questo accordo. Peccato che non venga riconosciuto neanche dagli elettori”. Lo scrive su facebook Barbara Lezzi, senatrice M5s, che replica a chi, all’interno del Movimento 5 stelle, ha puntato il dito contro di lei e contro gli altri ‘spoltronati’ che avevano espresso critiche.

“Coraggio, Movimento 5 Stelle- dice infatti Lezzi-. È davvero ancora un buon alibi dare la colpa alla Lezzi e ai ‘malpancisti spoltronati’? L’aver contestato Spadafora che mette nella scatola del passato Di Battista e sentenzia sulla Raggi, ha animato le penne raffinatissime buone a profanare maternità pur di darmi della cretina”.

Umbria, M5s: “Patto civico un esperimento, non ha funzionato”

Nel merito del risultato dell’Umbria, Lezzi dice: “No, non sono affatto contenta del risultato– aggiunge-. Mi addolora, mi fa arrabbiare. Non me lo aspettavo così deludente. In Umbria non siamo stati alternativa. Non siamo stati il Cambiamento di cui c’è ancora estrema necessità. Siamo sfuggiti alla responsabilità politica. Questo è un dato di fatto di cui tutti dovremmo farci carico e avremmo il dovere di assecondare la necessità di un confronto costruttivo per individuare alternative, ormai, indispensabili. Ci sono le proposte, ascoltiamoci. Il Movimento merita e ha bisogno, ora più che mai, della voce di tutti coloro che ci hanno sempre creduto, che lo hanno costruito e che lo hanno raggiunto negli anni. Nessuno sia escluso”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»