hamburger menu

Sanità, in Toscana migliorano liste d’attesa ma chirurgia ancora in affanno

Si riducono i tempi per visite e diagnostica in estate, ogni mese 1.000 operazioni per smaltire arretrato Covid

Pubblicato:28-09-2022 17:04
Ultimo aggiornamento:28-09-2022 17:04
Canale: Sanità
Autore:
medico_sanità_visita_diagnosi
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

FIRENZE – Migliorano le liste d’attesa in Toscana per visite e prestazioni diagnostiche. Gli interventi chirurgici restano il punto dolente del servizio sanitario, ma ogni mese vengono effettuate 1.000 operazioni per smaltire l’arretrato accumulato durante la pandemia. È questo in sintesi quanto illustrato dall’assessore regionale al Diritto alla Salute, Simone Bezzini, nel corso di un’audizione in commissione Sanità in Regione. A luglio e agosto si è registrato un miglioramento dell’offerta. Il mese scorso la percentuale di risposta alle prescrizioni è arrivata al 67% a fronte di un obiettivo del 75%, in particolare le prime visite sono state garantite nel 70% dei casi entro 15 giorni e nell’84,8% entro un mese. Le criticità maggiori hanno riguardato le specialità della dermatologia, l’ortopedia e l’otorinolaringoiatria. Sul lato della diagnostica le risonanze sono state garantite nell’89,8% dei casi secondo i target fissati dalla Regione.

“ATTESA IMPENNATA PRESCRIZIONI, SISTEMA MESSO A DURA PROVA”

I ritardi maggiori riguardano tuttora la chirurgia, in crisi risultano soprattutto l’ortopedia, le operazioni su ernie e colecisti. “È necessario non abbassare la guardia perché a settembre crescono le richieste di visite, controlli e interventi- fa sapere Bezzini- storicamente si assiste a un’impennata delle prescrizioni che mette a dura prova il sistema, e quindi dobbiamo impegnarci al massimo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-09-28T17:04:07+01:00